fbpx

Xbox Inside, tutti i particolari dell’evento online targato Microsoft

Xbox Inside è stato l'evento videoludico sulla bocca di tutti in questi giorni. Bene, oggi finalmente lo show è andato in onda e noi di Smartopic lo abbiamo seguito in diretta per voi

Xbox Inside, tutti i particolari dell’evento online targato Microsoft. Xbox Inside è da qualche ora terminato e ci ha lasciato con diversi pensieri nella testa. Il sentimento che prevale dopo aver visto i numerosi trailer mostrati, è senza ombra di dubbio quello della delusione. Questo, a parere nostro, deve essere il preambolo che precede la descrizione della conferenza andata in onda alle ore 17.00 italiane. L’evento avrebbe dovuto far assaggiare agli spettatori il primo e vero piatto di Next Gen. Tuttavia, rimanendo nel gergo culinario, a noi di Smartopic ci è sembrato di vedere la solita minestra scaldata.

Microsoft, evidentemente conscia dello scarso valore impattante che avrebbe avuto lo show, si era prodigata nei precedenti giorni diffondendo messaggi più o meno diretti, atti a spegnere quel fuoco che involontariamente era divampato sul web a causa della enorme fame di novità che i gamers nutrono in questo periodo di lockdown. La multinazionale americana aveva precisato come i tanti eventi predisposti per i prossimi mesi, sarebbero serviti effettivamente a rilasciare in dosi centellinate tutte le novità inerenti la console di casa Redmond. Comunque, non perdiamoci più in chiacchiere e andiamo ad analizzare tutti i titoli mostrati nella conferenza.

Uno show in streaming non è poi cosi bello…

A parziale scusante di Microsoft, possiamo affermare che un evento ideato per sponsorizzare la potenza della nuova generazione, visto in streaming, appaia come un controsenso piuttosto evidente. Perché le immagini dei videogames mostrati, sarebbero dovute essere in 4K, la definizione sulla quale le prossime console gireranno. Evidentemente però i problemi di buffering che le piattaforme online presentano, tolgono automaticamente quella limpidezza che ci si aspetterebbe da un titolo sviluppato su Xbox Series X. Detto questo, passiamo alla famigerata ciccia! Il main program della conferenza lo si era ormai capito da giorni. Proprio ieri, vi avevamo riportato le indiscrezioni di un leak, che testimoniava di tantissimi capolavori che avrebbero fatto il loro esordio. Ebbene, solo pochi di questi si sono effettivamente palesati al grande pubblico per la prima volta.

Lo Show si è aperto con un adrenalinico quanto confusionario video di Bright Memory, un FPS futuristico sviluppato dai ragazzi della FYQD Studio. Nel filmato lanciato, abbiamo potuto godere di una sequenza in combattimento, dove la protagonista, sparava a tutto spiano mentre usava dei gadget avveniristici per agguantare ed uccidere nemici a destra e a manca. A seguire, si è palesato uno dei must per tutti coloro che amano i simulatori di guida, DIRT 5. Di questo, sinceramente, si è potuto vedere ben poco.

Lo stile Horror è quello che più ci è piaciuto!

Il terzo videogame mostrato ci ha improvvisamente catapultato in una strana realtà, con ambientazioni che ci hanno ricordato veramente tanto il fantastico universo di Alien. Il filmato, si dipanava tutto intorno ad uno insolito essere, che tramite dei tentacoli donava la vita ad una creatura altrettanto ambigua. SCORN è il nome del gioco in questione e possiamo etichettarlo sicuramente come uno dei titoli che più ci ha incuriosito. A seguire è stato prima il turno di Chorus, uno sparatutto nel quale piloteremo una navicella spaziale e poi di Madden 21, rinomato simulatore sportivo di Football Americano, illustrato niente popò di meno che da uno dei campioni uscenti dell’ultimo Super Bowl, Mr. Patrick Mahomes.

Il sesto gioco presentato al Xbox Inside è stato Vampire: The Masquerade – Bloodlines 2, secondo capitolo dello stimato Horror uscito su One nel quale potremmo impersonificare, come suggerito dal nome dell’opera, una o più creature amanti del sangue umano. A seguire, abbiamo poi osservato un anonimo filmato di Call of the Sea, videogame strutturato in Cel-shading che ci ha dannatamente ricordato Sea Of Thieves.

Il pezzo forte va sempre lasciato per il finale

Tra i videogames mostrati che non hanno attratto la nostra attenzione sicuramente possiamo annoverare The Ascent, uno sparatutto futuristico con visuale dall’alto e Scarlet Nexus un hack and slash in stile anime. Non possiamo dire la stessa cosa però di The Medium, un thriller horror che ci vedrà vestire i panni di una donna alle presa con luoghi infernali e allucinazioni che la teletrasporteranno in realtà totalmente diverse tra loro. Il gioco, ci è sembrato voler ricalcare le orme di un mostro sacro del genere, Silent Hill, dal quale a proposito, gli sviluppatori hanno preso in prestito Akira Yamaoka, noto compositore di musiche.

Xbox Inside poi si è spostato su altri lidi, presentando il video di Second Extinction, un FPS in stile Turok nel quale i giocatori saranno chiamati a fare stragi di dinosauri con armamentari da far invidia ad un esercito.Il penultimo titolo esposto è stato Yakuza: Like a dragon, celeberrimo picchia-duro con elementi GDR del quale sappiamo già diverse curiosità. L’evento infine si è chiuso con il botto, se cosi si può definire. L’ultima opera mostrata è stata infatti Assassin’s Creed Valhalla. Dell’ultimo capitolo della famosa saga, nel quale vestiremo i panni di un guerriero vichingo, ci aspettavamo di vedere francamente di più. Evidentemente però, Ubisoft ha deciso di tenere le proprie carte coperte, per poi svelarle nell’evento che la Sofware House americana presenterà in solitaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui