fbpx

WhatsApp scricchiola, prove di lockdown

WhatsApp è in difficoltà con i server, così come Messenger e in realtà la maggior parte dei servizi, come testimonia la scelta di Netflix, YouTube e Disney+ di ridurre la qualità dei propri contenuti. Ora anche l'app di messaggistica di Zuckerberg starebbe cercando di limitare qualche funzione

I server di Facebook, WhatsApp e Instagram in difficoltà: bisogna correre ai ripari

Il signor Zuck l’aveva detto: “I nostri server fonderanno”. No, per nostra fortuna ancora non è successo ancora nulla del genere ma ci siamo molto vicini. Già di solito siamo delle sorte di amebe di fronte al cellulare, ora che siamo isolati e non sappiamo che fare lo siamo ancor di più. Stiamo lì a girovagare tra Instagram, Facebook e WhatsApp guardando sempre le solite cose e sperando che a distanza di due secondi dall’ultimo utilizzo sia cambiato qualcosa. Questo sicuramente non ha fatto bene ai server di Messenger e WhatsApp, che sono le piattaforme che più stiamo utilizzando in questi giorni.

Zuckerberg si era detto preoccupato già settimane fa e secondo quanto riportato da WAbetainfo, in India sarebbe stato posto un limite sui video caricati sullo ‘stato’. Fino a poco fa era possibile caricare video della durata di 30 secondi ma ora pare che quest’ultima sia stata ridotta a 15. E’ altamente probabile che questa contromisura venga adottata anche nel resto del mondo, al fine di prevenire un tilt sempre più prossimo.

Anche Instagram deve limitare alcune funzioni

WhatsApp non è di certo il primo servizio a correre ai ripari per la ‘salute di internet’, anzi. YouTube, Disney+ e Netflix hanno fornito un salvagente limitando il bitrate dei propri contenuti, e Prime Video poco dopo li ha seguiti. Successivamente Sony ha ridotto la velocità di download dei videogiochi sui sistemi PS4. Molti stanno cercando di salvaguardare la rete e ora WhatsApp starebbe correndo ai ripari anche per la salute dei propri server. Dopo questo limite dei video nello ‘stato’, che a breve dovrebbe arrivare anche qui in Italia, l’app di messaggistica potrebbe limitare lo scambio di video in chat e diminuire la qualità delle video-chiamate, anche su Messenger.

Anche per quanto riguarda Instagram, sempre di proprietà di Zuckerberg, qualcosa dovrebbe cambiare. Dovrebbero intervenire sempre sui video, quindi sulle dirette, i video-post e le IGTV. La feature che attualmente sta mettendo più in crisi i server è quella delle dirette. Cantanti e influencer si danno alla pazzo gioia ogni giorno e al tempo stesso intasano la rete. Ad oggi la durata massima di una diretta è di 60 minuti ma a breve dovrebbe essere ridotta, così come quella dei video-post e delle IGTV. Insomma, sono previsti tanti ritocchi per evitare un tilt generale, che potrebbe incupire ulteriormente le nostre giornate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui