fbpx

Polizia di Stato e truffe: le chiamate dall’estero che ti rubano il credito

La Polizia di Stato informa gli utenti che si stanno verificando truffe telefoniche per cui una chiamata dall'estero vi farà perdere il credito telefonico. Seguire i consigli è fondamentale per non cadere nella trappola del truffatore

Polizia di Stato e truffe: le chiamate dall’estero che ti rubano il credito. La Polizia di Stato informa sul rischio truffa di questi ultimi giorni. Si tratta della cosiddetta “truffa dello squillo“. In cosa consiste? Ti chiamerà un numero estero facendo uno o due squilli per poi chiudere la chiamata. Poco dopo ripeterà l’operazione per incuriosirti ancora di più. A quel punto potresti pensare che sia successo qualcosa o semplicemente la curiosità ti spingerebbe a richiamarlo. E qui cadrai nella trappola. La risposta sarà immediata. All’altro capo del telefono potresti non sentire nulla o un audio registrato per tenerti più tempo possibile in linea. In quei secondi che passerai al telefono con il numero sconosciuto perderai credito telefonico. Infatti, la breve chiamata ti potrà costare anche 1,50 euro al secondo. Chiamando quel numero sarai reindirizzato ad una linea di pagamento che sottrarrà euro dal tuo credito per trasferirlo al truffatore.

Polizia di Stato e truffe: consigli utili

Il sistema ping call su cui si basa questo metodo di truffa non è nuovo. Anche Wangiri, nome affibbiato a questa pratica, lo sfrutta. La Polizia di Stato specifica che in questo periodo di quarantena le persone hanno “la guardia bassa” per cui sono bersagli più facili. Le chiamate da tenere sotto controllo, e possibilmente bloccare il numero da cui si ricevono, sono quelle provenienti da: Inghilterra (+44), Moldavia (+373), Kosovo (+383), Bielorussia (+375), Tanzania (+255), Tunisia (+216) e altri. Il consiglio è sempre quello di non rispondere a chiamate provenienti da numeri sconosciuti o con qualcuno di questi prefissi, a meno che non si abbia la certezza dell’origine. Non richiamare mai e non inviare messaggi è l’altra regola fondamentale da seguire. Nel caso di messaggi con contenuti o link non cliccare mai su questi. Inoltre, si consiglia di fare una segnalazione, in casi sospetti, sul sito ufficiale della Polizia di Stato, nella sezione Segnalazioni.

🔴#Covid19 #TruffeonlineState attenti alla truffa dello squillo. Arriva una telefonata da un numero estero. Poco dopo ne…

Pubblicato da Polizia di Stato su Sabato 25 aprile 2020

In più ti suggeriamo di utilizzare l’app TrueCaller, disponibile sia per dispositivi Android che iOS. Identifica la provenienza di ogni chiamata sul vostro dispositivo, mediante una sorta di filtro. In questo modo, le chiamate dall’estero avranno informazioni sull’utente una volta che ti chiamerà. Inoltre, in base ai feedback degli altri utenti nell’app, vi è la possibilità che il numero chiamante possa essere classificato come spam o truffa direttamente dall’App, che te lo evidenzierà in rosso. Nel caso in cui TrueCaller non funzionasse – non è detto che tutti i numeri siano presenti nel sistema – lo puoi ricercare su internet per reperire più informazioni. Se anche questo si manifesta come buco nell’acqua evita semplicemente di rispondere. Se è importante, troverà un modo alternativo di contattarti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui