fbpx

Mobile Payment, boom dei pagamenti online in Italia

Il lockdown imposto dal Covid-19 ha fornito una spinta consistente allo sfruttamento della tecnologia per i pagamenti online. Il mondo del digitale vede nuovi numeri incoraggianti che potrebbero rappresentare la salvezza per molti piccoli commercianti in difficoltà economiche

Mobile Payment, boom dei pagamenti online in Italia. La pandemia che affligge il mondo in questo periodo ha sicuramente cambiato le abitudini di tutti. Dal lavoro a casa con il metodo dello smart working, sconosciuto a molti fino a poco tempo fa, alla didattica a distanza, con vantaggi e svantaggi legati alla tecnologia. Ma è proprio grazie a questa che è possibile, ad oggi, effettuare pagamenti online. Non che questa sia una novità ma, adesso, è uno strumento più chiaro. La comodità e la sicurezza dei pagamenti online con carta di debito o credito è stata affiancata, recentemente, dai pagamenti mobile. Mediante smartphone è possibile pagare in negozio, inserendo in un portafoglio virtuale, “wallet”, le proprie carte senza usarle fisicamente. In più, alcune società supportano i pagamenti online di piccoli esercenti, come SumUp e Satispay, a cui si aggiunge il veterano Paypal.

Mobile Payment

I pagamenti innovativi rappresentano un terzo del totale dei pagamenti digitali. A fornire questo dato è l’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano, che ha analizzato il settore individuando un aumento nel 2019 pari a 3 volte il 2018, con un volume di transito vicino ai 2 milioni di euro. Il lockdown ha bloccato moltissime attività che percepivano guadagni per la maggioranza dalle vendite “fisiche”. Ciò ha chiaramente creato il bisogno di identificare nuovi mezzi per offrire il prodotto/servizio e mantenere le vendite.

Il mondo digitale può risolvere diversi problemi, ormai dovremo esserci abituati. Da qualche anno, è infatti possibile l’acquisto ed il pagamento di beni e servizi tramite lo smartphone. Queste operazioni rientrano nella tipologia di pagamento mobile, meglio detto come Mobile Payment. In questa modalità rientrano gli acquisti in modalità Remote, cioè a distanza, e quelli in Proximity, in prossimità. E sembrerebbe che proprio il Mobile Payment si stia facendo via via spazio nel mercato dei pagamenti in una gara interessante contro il contante.

I consumatori online sono triplicati

Se il Covid-19 ha sicuramente creato molti danni, non si può negare che sia stato anche il principale propulsore della tecnologia e del digitale ovunque. Macellerie, panifici o negozi di frutta e verdura hanno iniziato a sfruttare le potenzialità dei pagamenti online. Per favorire una continuità delle entrate, si sono buttati sul delivery mantenendosi in linea con le disposizioni normative anti-contagio. La loro crescita ha toccato punte del +350%. La possibilità di ordinare online e pagare comodamente da pc o mobile, dunque, ha spalancato le porte al digitale prima di quanto ci si aspettava in alcuni settori.

Questa settimana si è svolta la prima edizione interamente digitale del Netcomm Forum Live, il primo evento italiano dedicato al commercio digitale e al new retail. Durante il panel “Come è cambiato l’e-commerce dopo il Coronavirus“, si è mostrato come i consumatori digitali italiani si siano triplicati. I primi quattro mesi del 2020 hanno visto una crescita organica di 700.000 utenti a cui si sono aggiunti 2 milioni di consumatori in più. L’impatto del Covid-19 segna poi un incremento in alcuni settori: e-commerce del 55%, modern food retail +23% e vendita all’ingrosso di prodotti farmaceutici del 15,9%.

Gli esempi di Satispay e SumUp

Il virus ci ha costretto ad ovviare ai soliti pagamenti, come la ricarica telefonica, il bollettino o un versamento alla Pubblica Amministrazione, mediante il mondo digitale. Satispay offre questi servizi con una semplice App, oltre al “Consegna e Ritiro” a supporto dei piccoli imprenditori. Non è un caso, infatti, che prima e dopo il lockdown ci sia stato un incremento del 30% per il mobile payment offerto da Satispay. Ed anche il governo ha capito che i pagamenti digitali sono importanti, lanciando IO, l’app dei servizi pubblici.

Non è tutto. I pagamenti digitali sono schizzati grazie alla fruizione della tecnologia NFC, che permette di effettuare transazioni di pagamento senza il contatto fisico – molto utile in questo periodo. Sono sfruttate al massimo per le consegne a domicilio e per i pagamenti in negozio per il take-away. In particolare, SumUp ha registrato un aumento delle richieste per i suoi servizi. SumUp è una società fintech che fornisce lettori di carte portatili e soluzioni per il pagamento digitale di commercianti, artigiani e PMI. Durante il lockdown, un terzo delle richieste di tali soluzioni dall’Italia apparteneva al settore Food & Grocery. Senza dubbio, la tecnologia può aiutarci molto in questo periodo, nelle nuove abitudini del futuro e a risollevare l’economia nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui