fbpx

Mixer di Microsoft non convince: il canale streaming passa a Facebook

E' ormai ufficiale, il canale Mixer chiuderà i battenti. La piattaforma di streaming targata Microsoft, nonostante i considerevoli investimenti, non ha mai davvero convinto il grande pubblico e passerà a Facebook

Mixer di Microsoft non convince: il canale streaming passa a Facebook. L’era moderna ci ha donato una nuova tipologia di lavoratori, gli streamer. Questi soggetti, devono sostanzialmente riprendersi con una webcam mentre si districano tra un gioco e l’altro. I loro video, sono poi raccolti su diverse piattaforme tra cui il famosissimo Twitch. Col passare del tempo tale business, è sempre più cresciuto, attraendo altri competitor del settore. Per questa ragione era nato Mixer, un servizio disponibile solo per gli utenti Microsoft. Tuttavia, dopo solo 4 anni, il programma della multinazionale statunitense, sarà costretto a chiudere baracca e burattini, lasciando dietro di se, un mare di polemiche.

Microsoft Mixer chiude il canale streaming e passa la palla a Facebook

Quando un programma straming della portata di Mixer chiude i battenti, lascia dietro di se uno strascico di polemiche non indifferenti. La piattaforma di Microsoft, che sarà sostanzialmente accorpata dal prossimo 22 di luglio con tutti i suoi utenti a Facebook Gaming, aveva tentanto il colpo gobbo per sbaragliare la concorrenza. Infatti, nel 2019 diversi pezzi grossi dell’intrattenimento videoludico abbandonarono Twitch per approdare sul programma di streaming targato Microsoft. Ovviamente per fare accadere una cosa simile, la multinazionale americana aveva sganciato delle cifre esorbitanti senza però riuscire a convincere davvero il pubblico, che nella graduatoria generale, ha sempre classificato Mixer, come uno degli ultimi canali da visionare.

Per quello che riguarda il futuro dei tanti volti noti che hanno popolato la suddetta piattaforma, non sappiamo ancora nulla di ufficiale. Da indiscrezioni, è filtrato ad esempio che Ninja, il famosissimo campione di Fornite dai capelli blu, avrebbe rifiutato categoricamente di passare a Facebook Gaming. Stesso discorso varrebbe per l’asso degli fps Michael Grzesiek, in arte Shroud. Insomma, una notizia che nessuno si aspettava e che è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui