fbpx

Il Coronavirus fa ricco Amazon: il titolo in borsa schizza alle stelle

Nessuna azienda ha beneficiato in borsa più di Amazon nel periodo del Coronavirus. Nonostante i soliti problemi di sicurezza sul lavoro, l'azienda di Jeff Bezos sembrerà uscire vittoriosa dalla pandemia

Il Coronavirus fa ricco Amazon: il titolo in borsa schizza alle stelle. Il colosso dell’e-commerce Amazon ha raggiunto una capitalizzazione di oltre 90 miliardi di dollari da metà Febbraio ad oggi. Questo exploit in borsa ha portato ben 5 miliardi nelle tasche del presidente Jeff Bezos, già uno degli uomini più ricchi del pianeta. Con lo shopping online alle stelle in questo periodo di lockdown il titolo è salito di 9 punti percentuali, due dei quali solo nella giornata odierna.

Cosa ha portato Amazon a guadagnare così tanto? Gli esperti hanno attribuito la crescita alla dedizione nel lavoro che ha consegnato senza ritardi tutti i beni di prima necessità. Gli stessi analisti stimano che l’egregio lavoro fatto aumenterà esponenzialmente la clientela dell’e-commerce. La crescita rapida della compagnia di Seattle ha fatto felici anche gli investitori che ora aspettano che Amazon stimi l’influenza della crisi sanitaria sui suoi affari. Uno dei progetti fondamentali di Bezos riguarda la diminuzione dei tempi di consegna per i clienti Prime da 2 ad 1 giorno.

Amazon continua a crescere nonostante le critiche e il Coronavirus

Disinfettanti, alimenti, oggetti d’ufficio, attrezzi per l’allenamento in casa sono tra i prodotti più venduti in questo periodo di lockdown. L’azienda convive, però, con un grosso problema ovvero la sicurezza nei propri magazzini. La critica ha già accusato il colosso americano di adottare misure inadeguate nei propri magazzini, mettendo a rischio la salute dei propri lavoratori. Il colosso di Seattle potrebbe comunque uscire vincitore alla fine di questo periodo di lockdown, nonostante tutti i problemi già citati.

L’economia degli States sta risentendo della pandemia e il suo fondatore ne sta guadagnando molto grazie alla necessità di acquisti online. I negozi americani, inoltre, sono lontani dalla riapertura: una tragedia per i proprietari ma musica per le orecchie del leader mondiale del commercio elettronico. Intanto la stessa azienda, che opera tra le piattaforme di streaming migliori, non ha perso tempo a lanciare Prime Video Store, un servizio di noleggio di film nel quale sarà possibile anche acquistare i titoli più recenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui