fbpx

Coronavirus, ecco l’app per l’autocertificazione senza doverla stampare

Lanciata la web-app in grado di raccogliere i dati per l'autocertificazione da mostrare alle Foorze dell'ordine in caso di alt. Messa su in appena 10 ore è frutto del lavoro di un programmatore sardo venuto in aiuto di chi non può stampare in casa il modello del Ministero

Coronavirus, ecco l’app per l’autocertificazione senza doverla stampare. Il genio italico esce fuori sopratutto nei momenti di massima difficoltà. Non è un mistero che nei periodi più bui della nostra storia siano poi venuti alla ribalta personaggi assolutamente unici nei più diversi campi dello scibile umano. Con le giuste distanze anche il periodo che stiamo vivendo sta presentando tutti gli aspetti di una crisi che, secondo i ben informati, non ci abbandonerà per diverso tempo.

Un periodo in cui i contatti umani dovranno essere centellinati e gli spostamenti dal proprio domicilio ampiamente giustificati. Dalla pubblicazione del modulo per l’autocertificazione (scarica qui il nuovo modulo) con cui bisogna appunto spiegare la propria presenza al di fuori delle mura domestiche è iniziata in Italia una corsa sfrenata alla pagina incriminata, un assalto ai portali che la rendevano disponibile. Una vera mania che in più di un’occasione è anche sfociata in una serie di interrogativi, alcuni dei quali davvero risibili.

Autocertificazione, puoi compilarla online su pc e smartphone

Non è mancata, infatti, nemmeno la lamentela di chi, in mancanza di una stampante, lamentava come una scelta d’elite quella di non poter trovare già pronto negli uffici locali (tra l’altro chiusi per i noti provvedimenti del DPCM di inizio mese) il suddetto modulo. Ma per fortuna, in soccorso di tutti gli italiani, ecco palesarsi  una pratica web app, frutto del genio del programmatore sardo Cristian Pibia. Il programmatore cagliaritano ha messo a punto un software in grado di raccogliere i dati che introdurremmo in un qualsiasi modulo per autocertificazione e di inviarli direttamente alle Forze dell’Ordine. Un’idea che è già stata approvata da migliaia di utenti a tempo di record

Fine delle scuse?

Esattamente come a tempo di record è stata la realizzazione dell’app, come spiega il suo creatore Pibia è nata e portata a termine nel giro di dieci ore. Per poterla utilizzare bisogna collegarsi al sito autocertificazionespostamenti.it e cliccare sul pulsante “Sono un privato cittadino“. Si aprirà, quindi una pagina in cui inserire tutti i dati anagrafici del caso. Una volta completato il modulo in ogni sua parte si provvederà alla creazione del certificato.

Nella Home Page verrà quindi mostrato il proprio documento già redatto al fondo della pagina pronto per essere modificato all’occorrenza o inviato alle forze dell’ordine. La pagina in cui è possibile accedere ai servizi è facilmente raggiungibile anche per smartphone Android e Iphone semplicemente collegandosi col proprio browser all’indirizzo sopra riportato. Sarà più facile e veloce l’intero procedimento se si salverà l’url della pagina tra i preferiti. Da oggi , quindi non ci dovrebbero essere più scuse nemmeno sotto questo punto di vista. Sempre che non ne nascano per l’impossibilità di alcuni di accedere a internet. In quel caso non si potrà far altro che arrendersi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui