fbpx

Formula 1, un anno fa ci lasciava Niki Lauda: “L’uomo che visse tre volte”

Il ricordo di Niki Lauda: un anno fa ci lasciava una delle più grandi leggende della Formula 1, vincitore di 3 titoli mondiali con Ferrari e Mercedes

Formula 1, un anno fa ci lasciava Niki Lauda: “L’uomo che visse tre volte”. Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda: uno dei volti simbolo della storia della Formula 1, vincitore di tre titoli mondiali alla guida della Ferrari (2) e della Mercedes (1).

Nel 1974 il pilota austriaco firmò con la casa automobilistica del Cavallino Rampante e solamente un anno dopo riuscì a riportare la Rossa sul Tetto del Mondo, dopo 11 anni di distanza dal successo targato John Surtees. Nel 1976 purtroppo fu costretto ad abdicare in favore del pilota inglese James Hunt, complice anche il tragico incidente del Nurburgring nel Gp di Germania. In quell’occasione Lauda perse il controllo della sua monoposto che dopo essersi schiantata contro le barriere, fu colpita da altre due vetture e iniziò a prendere fuoco.

Formula 1, Niki Lauda: un anno fa fece piangere il mondo Ferrari

Neanche il brutto incidente del Gran Premio di Germania riuscì a fermare Niki Lauda. L’allora Campione del mondo in carica riportò gravi ustioni al viso, ma dopo soli 42 giorni Niki rientrò in sella Ferrari e l’anno dopo conquistò il titolo mondiale, bissando il trionfo del 1975.

Determinato e coraggioso, il pilota austriaco non si faceva impressionare facilmente dalle avversità, anzi è proprio nelle situazioni difficili che riusciva a tirar fuori il meglio di sè. Per questo motivo veniva soprannominato “Computer“, nomignolo che il fuoriclasse dell’automobilismo non gradiva particolarmente: “Computer? Sono una persona precisa che fa un lavoro pericoloso in cui non sono ammessi errori“.

Formula 1, un anno fa ci lasciava Niki Lauda
Niki Lauda, ex pilota e dirigente di Ferrari e Mercedes

Nel 1984 conquistò il suo terzo ed ultimo Mondiale alla guida della Mercedes ed entrò definitivamente nella leggenda. Dopo l’addio alle corse svolse il ruolo di consulente nella gestione della Scuderia Ferrari nel 1993, mentre nel 2013 favorì l’approdo in Mercedes di Lewis Hamilton, vincitore di 5 titoli dal 2014 al 2019.

Il rapporto professionale con la casa automobilistica tedesca ha un po’ deluso i tifosi della Ferrari, ma non cancella le emozioni che ha regalato al mondo della Formula 1. Lauda si è dimostrato un fuoriclasse all’interno e all’esterno della monoposto, ha unito i tifosi della Rossa, gli appassionati e gli automobilisti di tutto il mondo e, nonostante la sua freddezza caratteriale, è riuscito a farsi amare dal pubblico grazie alla spontaneità che lo ha sempre contraddistinto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui