fbpx

Champions League: impresa storica dell’Atalanta, 4-3 e Valencia ko

L'Atalanta batte 4 - 3 il Valencia ed accede ai quarti di Champions League: quattro i gol di Ilicic (due su rigore) che fanno sognare la squadra di Gasperini

Divertimento, bel calcio e tanta voglia di scrivere la storia. Questi sono i valori che hanno messo in campo i giocatori dell’Atalanta, nella sfida di ritorno di Champions League contro il Valencia.
Altri quattro gol insaccati agli spagnoli (dopo il 4 – 1 dell’andata) tutti firmati Ilicic, che timbra 5 reti in totale contro la squadra di Celades, a cui non bastano i tre gol di Gameiro (2) e Torres. Così l’Atalanta atterra ai quarti di finale della coppa dalle grandi orecchie.

Con gli spalti silenziosi e i cori registrati dei tifosi spagnoli, non è bastato molto all’Atalanta per archiviare la pratica. Servono solo 3 minuti per capire che la squadra di Gasperini è vicina ad un’impresa storica. Alla prima azione offensiva utile, i bergamaschi si rendono pericolosi e mettono a segno il primo gol, dal dischetto. Il marcatore? Il solito Ilicic.

Lo sloveno si è divertito più del solito, facendo gonfiare la rete difesa da Cillesen ben quattro volte allo stadio Mestalla. Complice anche la partita da dimenticare di Diakhaby, che con due errori in aera regala due tiri dal dischetto a Josip. In una partita ricca di gol, finita 4 – 3 per i nerazzurri, gli spagnoli tentano la remuntada, mai convinti al 100% ma l’Atalanta fa la partita. Gioca bene, si diverte e fa divertire.

Gasperini: “Dedichiamo al vittoria a Bergamo, #Molamia”

Che vittoria! La dedichiamo a Bergamo” commenta così il tecnico Gasperini a fine partita, lodando le doti di Ilicic e non mettendo limiti alla squadra: “Ilicic? Super anche quando è stanco. Dopo un inizio difficile abbiamo preso le misure alla Champions. Stiamo crescendo e sappiamo che possiamo ancora migliorare.” Gasp si sofferma poi sulla situazione d’emergenza italiana mostrandosi fiducioso: “Il nostro territorio sta soffrendo. Siamo però sicuri che riusciremo a battere questo pericoloso avversario. Festeggiate a casa in attesa di miglioramenti. Noi festeggeremo a Giugno, a fine campionato. Magari con un festone che riguardi tutto, compresa la vittoria contro il Coronavirus.

Oltre il tecnico, il protagonista della serata mostra felicità per la vittoria ed ironizza sulla sua età: “Più invecchio, più divento buono” commenta Josip Ilicic. Poi sulla sua prestazione ed il risultato di ieri sera svela la semplice chiave del successo bergamasco: “Il segreto? Ci divertiamo.” Nonostante le voci insoddisfatte sullo sloveno riguardo la sua età (34 anni) e doti non così eccelse, Ilicic continuare a segnare e a convincere con risultati eccezionali. Infatti, i 21 gol stagionali, di cui 16 nelle ultime 12 partite, confermano la splendida forma di Ilicic che senza dubbio non si fermerà.

Una gara da ricordare

Le parole di Giampiero Gasperini confermano una gara che resterà nella storia: l’Atalanta arriva ai quarti alla sua prima partecipazione in Champions. Mai un club esordiente aveva raggiunto i quarti nella sua prima edizione. In una cornice vuota e silenziosa, la Dea bendata fa sorridere gli italiani. Una luce di allegria e positività si accende nelle case buie dei bergamaschi, e non solo. La vittoria dell’Atalanta ed il passaggio ai quarti non può essere definita come una semplice partita di Champions.

C’è molto di più. C’è una squadra che non molla e scrive un altro capitolo importante per la storia del calcio italiano. C’è una squadra guidata da un fiducioso condottiero in grado di portare avanti una squadra che dalle prime tre partite sembrava già fuori. C’è uno straordinario Ilicic che non si ferma più. Ma soprattutto c’è cuore. Quello bergamasco che ci crede, che sia che i sogni si possono realizzare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui