fbpx

Ascierto chiama CR7: “Uniamoci per combattere il Coronavirus”

Il medico napoletano Paolo Ascierto si appella alla generosità di Ronaldo per un aiuto economico nella sperimentazione del farmaco anti-Covid-19

Dopo il gesto da vero signore di qualche giorno fa, il campione Cristiano Ronaldo è stato richiamato a dare supporto alla sperimentazione italiana del farmaco che potrebbe fermare definitivamente il Coronavirus. Infatti, il medico napoletano, professor Paolo Antonio Ascierto, oncologo e ricercatore italiano, nonché Direttore dell’Unità di Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Pascale di Napoli, ha chiesto aiuto a CR7.

Ascierto in campo per la cura Anti-Coronavirus

Il ricercatore Ascierto non si arrende e continua a cercare la chiave per sconfiggere il Covid-19: “Sono giornate intensissime. Gli ospedali sono in emergenza, medici e infermieri quasi tutti infettati. E le rianimazioni, soprattutto in Lombardia, sono in ginocchio. Ma la battaglia contro il Coronavirus va combattuta insieme. Medici, pazienti e gente a casa.”
Il Professore ha parlato dei progressi nella sperimentazione del vaccino: “Io mi occupo principalmente di tumori della pelle e Immunoterapia di tumori solidi. Questo farmaco, il Tocilizumab, lo utilizziamo per curare gli effetti collaterali dell’immunoterapia – spiega in un’intervista a Tuttosport – Nell’ambito di questi effetti il sistema respiratorio è simile a quello del Covid-19. Così, con il mio gruppo di lavoro di Napoli, abbiamo fatto un approfondimento per applicare le nostre conoscenze all’emergenza Coronavirus che stiamo vivendo attualmente.

Il test positivo su consiglio del collega cinese Ming

Ascierto ha spiegato come abbiano effettuato i primi test con il farmaco prima menzionato su due pazienti moto gravi, di cui uno ha avuto subito risultati positivi. “Innanzitutto abbiamo contattato dei colleghi cinesi, a partire dal dottor Ming, con cui abbiamo una collaborazione da diversi anni, per confrontarci su questa idea. E abbiamo scoperto che si trattava dell’uovo di Colombo… Loro avevano già testato il farmaco su 21 pazienti. E di questi, ben 20 avevano fatto registrare miglioramenti importanti nel giro di ventiquattro ore. Così la mattina seguente alla Conference call con Ming, assieme ai colleghi del Pascale e dell’ospedale Cotugno di Napoli, abbiamo deciso di trattare con quel medicinale due dei peggiori pazienti che avevamo in terapia intensiva in seguito al contagio da Covid-19. Nelle successive ventiquattro ore, uno di questi ha avuto miglioramenti importanti, tanto che giovedì è stato stubato e a breve verrà trasferito in reparto. Un paziente su due dal punto di vista scientifico non ha una valenza importante, sia chiaro. Però…”. Dopo questi risultati, il Professore napoletano Ascierto ha supportato l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) per una sperimentazione nazionale su cui stanno lavorando.

Il messaggio d’aiuto a Ronaldo

Da sempre juventino, Paolo Ascierto ha voluto inviare un messaggio, quasi un appello d’aiuto, al suo idolo Ronaldo, di cui ha una maglia autografata appesa in studio.
Da soli non possiamo farcela. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti perché servirà un milione di euro per far partire la sperimentazione già a settembre. Colgo l’occasione per appellarmi ai campioni dello sport, del calcio e in modo particolare a Cristiano Ronaldo, che è il mio idolo e che anche in questa situazione difficile si è rivelato un esempio mondiale mettendo la salute della gente davanti a tutto.” Elogiando poi le azioni benefiche eseguite dal campione portoghese, l’oncologo napoletano aggiunge: “Cristiano Ronaldo, oltre che un campionissimo, è un esempio di professionalità, abnegazione, e solidarietà. Anche in questa circostanza così grave, Ronaldo sta dimostrando intelligenza e sensibilità. Per questo motivo gli invio questo messaggio: Cristiano, uniamoci per combattere il Coronavirus.” Il campione risponderà al suo appello?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui