fbpx

Jurassic Park 3 fermato dal Coronavirus, Sam Neill esclama: “Mi sento come gli insetti nell’ambra”

Sam Neill, che tornerà a vestire i panni del leggendario paleontologo Alan Grant nel prossimo Jurassic World 3: Dominio, ha parlato dello stop alla produzione del film causato dal Coronavirus

Jurassic Park 3 fermato dal Coronavirus, Sam Neill esclama: “Mi sento come gli insetti nell’ambra”. Prendi un parco tematico, mettici dentro una serie di dinosauri ricreati grazie a delle modifiche genetiche e falli liberare con conseguente spargimento di sangue. Assumi nel frattempo un cast stellare ed un regista dalla fama internazionale, mescola il tutto ed ottieni infine uno dei film più famosi e spettacolari della storia moderna, Jurassic Park.

La pellicola d’azione diretta da Steven Spielberg divenne in poco tempo un vero e proprio cult dell’epoca, facendo registrare incassi mostruosi ai botteghini e generando un fenomeno nel settore del marketing ancora oggi del tutto vivo e prospero. Ovviamente un simile successo non poteva arrestarsi con la produzione di un unico film e da li nacquero diversi episodi che composero una vera e propria saga.

Quest’ultima sta vivendo negli ultimi anni una mutazione, poiché il brand ha cambiato nome ed il cast ha subito notevoli variazioni. Uno dei pochi superstiti della squadra di attori che componeva il primo episodio è l’inglese Sam Neill, che in una recente intervista ha parlato dell’ultima pellicola dedicata ai dinosauri e di cui lui sarà uno dei maggiori interpreti, Jurassic World 3: Dominion.

Sam Neill parla dello stop alle riprese di Jurassic World 3: Dominion: “Ci siamo ritrovati congelati come gli insetti nell’ambra”

Sam Neill, riconosciuta star dello spettacolo britannico, nel primo Jurassic Park vestiva i panni del mitico Alan Grant, un paleontologo sbarcato su Isla Nubar per studiare dei ritrovamenti fossili appartenenti al Velociraptor. L’attore inglese, che ha poi preso parte anche al terzo capitolo saga, sarebbe dovuto tornare ad affrontare i grossi rettili estinti nell’ultima pellicola dedicata al mondo dei dinosauri, Jurassic World 3: Dominion se non fosse stato per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato la produzione del film.

Nell’intervista che ha rilasciato a Variety, Neill ha detto a proposito: “Ci siamo ritrovati come gli insetti nell’ambra, criogeneticamente congelati e Jurassic World 3: Dominion ha subito una battuta di arresto. Io, come tutti gli attori del mondo non sto lavorando, ma quando torneremo sarà una gioia. Perché fare quello che amo con la gente che compone un set cinematografico è un privilegio raro.

“Penso che in prospettiva ci sia molto di peggio di un film rinviato” ha poi continuato Neill: “Nel tempo libero sto chiaramente a casa ma incredibilmente mi ritrovo molto più indaffarato di quando sono sul set. Qui suono l’Ukulele, mi sento su Skype con i miei amici e faccio il nonno a distanza. Inoltre ho riscoperto la poesia e a volte mi intrattengo sui social per tirare su di morale le persone. Ho anche ritrovato il piacere nello stirare una camicia ed ho piantato un albero, la quotidianità è una cosa bellissima”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui