fbpx

James Cameron torna a parlare di Avatar 2: “Ecco quando potrebbero riniziare le riprese del film”

James Cameron è tornato a parlare di Avatar 2 e del momento storico contraddistinto dal Coronavirus. Il regista canadese ha svelato come i lavori sul set potrebbero ricominciare molto presto. Volete sapere quando? 

James Cameron torna a parlare di Avatar 2: “Ecco quando potrebbero riniziare le riprese del film”. La storia cinematografica di Hollywood è costellata da innumerevoli pellicole di successo. Tra queste certamente possiamo annoverare Avatar, film che quando usci nel lontano 2009 creò una specie di solco con gli altri lungometraggi del genere. L’opera fu infatti cosi impattante nel mondo che a soli 41 giorni dalla sua uscita nelle sale, divenne il primo incasso di sempre, con 2 miliardi di dollari guadagnati ai botteghini.

Insomma, numeri a dir poco clamorosi, che potrebbero potenzialmente essere pareggiati o addirittura superati dal secondo capitolo della saga. Avatar 2 sarebbe a tutti gli effetti in lavorazione ma come è ormai noto, il Coronavirus ha bloccato interamente il settore dello spettacolo. James Cameron, il grandissimo regista che dirigerà l’opera, ha voluto commentato il momento, svelando peraltro, il periodo nel quale i lavori sul set potrebbero ricominciare.

James Cameron rivela: “Speriamo di tornare a lavorare prima possibile ad Avatar 2”

Il celeberrimo James Cameron ha parlato ai microfoni di Empire, facendo il punto sulla situazione che gravita intorno ad Avatar 2. Il regista ha confessato di vivere con difficoltà le restrizioni causate dal Covid-19, sopratutto perché la malattia ha bloccato completamente le lavorazioni sul set cinematografo della sua nuova opera.

Il sessantacinquenne canadese ha poi acceso un barlume di speranza in tutti coloro che anelano di tornare a vivere le avventure del fantastico mondo di Pandora, affermando come la Nuova Zelanda, location nella quale sarà interamente girato il film, non sia stata una di quelle nazioni più colpite dal virus. Questo, secondo Cameron, potrebbe permettere la ripresa dei lavori entro un massimo di due mesi. Una visione certamente ottimistica, che però ci lascia con un ottimo presentimento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui