fbpx

Tensione nella maggioranza Pd e M5s per Scuola e dossier Autostrade

E' scontro in maggioranza Pd e M5s su due temi cruciali: la scuola, con lo spettro del rientro a settembre, e le concessioni autostradali

Tensione nella maggioranza Pd e M5s per Scuola e dossier Autostrade. Sembrava pace fatta in casa Pd e Cinque Stelle dopo le mozioni di sfiducia a Bonafede. Scampato il pericolo della caduta di governo, la maggioranza scricchiola di nuovo a causa di temi caldi: scuola e autostrade. Il Premier Giuseppe Conte cerca di mediare ma dal Pd avvertono: “Camminiamo su un crinale pericoloso”. Sullo sfondo, pesano le critiche della minoranza e l’incertezza della manifestazione del centrodestra per il prossimo 2 giugno a Roma.

Scuola: ritorno in aula e concorso docenti, il grande rebus

Tre mesi di blocco della didattica hanno messo in luce una delle fragilità del sistema scuola in Italia: la mancanza di docenti. Per questo il tanto agognato concorso per 25 mila unità poteva essere una boccata di ossigeno, ma ci sono delle ombre. Per Conte le rimostranze non hanno region d’essere in quanto il decreto scuola era già stato approvato da PD e Leu a dicembre e, quando la Ministra Azzolina ha redatto le regole per i concorsi, erano tutti d’accordo.

Di tutt’altro avviso il Pd, che ribadisce che ad oggi causa Coronavirus le condizioni originali non esistono più: chiedono di “bloccare” temporaneamente il concorso, prendendo per ora 40.000 docenti precari e solo dopo sottoporre un quiz per l’assunzione in pianta stabile. Il Movimento 5 stelle, dal canto suo, fa fronte comune attorno alla Ministra Azzolina e chiede di far svolgere come da accordi il concorso, perché non vogliono azzerare il lavoro fatto fin’ora.

Altro tasto dolente è il rientro a scuola a settembre: sarà possibile? A questa domanda sembra ancora non esserci risposta. Per far si che gli studenti rientrino in sicurezza si devono aumentare gli spazi e le aule o, come ha proposto la Ministra, fare degli ingressi scaglionati. Ma le mamme non ci stanno: in una manifestazione a Roma chiedono il ritorno in classe in tutta sicurezza degli alunni, cosa non facile.

Dossier Autostrade: Atlantia chiede un prestito, il M5s vuole la revoca

E’ ancora scontro sul tema autostrade in maggioranza. Dal giorno in cui è crollato il Ponte Morandi a Genova, il Movimento 5 stelle ha da subito chiesto la revoca delle concessioni ad Atlantia, cosa però non attuabile per via dei contratti in essere. Ieri, dopo che il Decreto Milleproroghe è stato varato con la modifica dei contratti in essere, i ministri di Italia Viva hanno voluto che si mettesse a verbale la loro contrarietà. Luigi Di Maio non fa giri di parole: le concessioni vanno cambiate. Secondo il Ministro, non si possono continuare a chiedere soldi ai cittadini se, chi deve tutelare sulla loro sicurezza, non rispetta gli accordi presi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui