fbpx

No MES, spunta un documento M5S: Di Battista il regista?

Cresce il malumore nei confronti delle indiscrezioni uscite riguardo l'approvazione del MES. Non solo le opposizioni puntano il dito, ora anche parte della maggioranza sembra insoddisfatta

No MES, spunta un documento M5S: Di Battista il regista? E’ e sarà sempre complicato comprendere e leggere le dinamiche che muovono ormai da anni il Movimento 5 Stelle. La piattaforma Rousseou resta al centro ma poi vanno affrontati i temi e qui compaiono le divergenze più importanti. Divisioni e frizioni che potrebbero far cadere la maggioranza in un crisi governativa importante, quasi fatale, in un momento molto delicato. Al centro delle discussioni, tanto per cambiare, c’è il MES. A differenza dei compagni di Governo, che non farebbero fatica ad accettarne una versione light, il Movimento 5 Stelle si divide in due assi: chi, non potendo arrivare agli eurobond, prenderebbe quello che l’Europa ci somministra e chi, invece, sarebbe pronto a fare da sé.

Se si guarda alla storia del Movimento, quest’ultima sarebbe la scelta più coerente e qualcuno non sarebbe disposto a tradirla. Come detto, le frizioni con il PD, e soprattutto con il Ministro Gualtieri, starebbe assumendo contorni sempre più accessi tanto da “mettere in discussione la permanenza nell’UE”. Una miccia pronta ad esplodere che sarebbe un’importante insidia per la tenuta del Governo.

M5S, cresce la spinta sovranista

Una spinta sovranista, quindi, che sarebbe pronta a mettere in discussione i comportamenti europei e quindi la tenuta futura dell’Eurozona. Pino Cabras, deputato pentastellato e capogruppo alla commissioni Affari Esteri, insieme ad altri 23 deputati, sarebbe il firmatario di un documento di critica nei confronti dell’Europa. “Se i tedeschi pensano di poter fare come vogliono, forse dovremo iniziare a pensare una soluzione autonoma. Negli USA sono pronti 2 mila miliardi, qui si discute di cifre che sembrano briciole in confronto”. L’indiscrezione lanciata dal giornale La Stampa, e subito smentita dallo stesso Cabras, aggiungerebbe un particolare importante: dietro la stesura del documento potrebbe esserci anche Alessandro Di Battista. “In molti nel Movimento sono d’accordo, anche se non su tutti i punti”. Il Movimento continua ad avere “fiducia in Contema meno nei confronti del Ministro dell’Economia al quale potrebbe essere dato il “ben servito”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui