fbpx

MES, Conte: “La mia posizione sul MES non è mai cambiata”

Arriva una prima risposta del premier Conte alla decisione, arrivata nella serata di ieri sera dall'eurogruppo, dell'uso dal MES in questa crisi

MES, Conte: “La mia posizione sul MES non è mai cambiata”. È arrivata nella serata di ieri la conferma che l’eurogruppo aveva deciso per il MES, con un piano da 1000 miliardi in totale. Moltissime le critiche a riguardo, a partire dall’opposizione, con Matteo Salvini e Giorgia Meloni su tutti. Non si è fatta attendere neanche la risposta da parte del Portavoce del Movimento 5 Stelle al Senato della Repubblica, nonché Viceministro dell’Interno del Governo Conte II, Vito Crimi. Negli scorsi giorni il Premier Conte, tramite videomessaggio, aveva ribadito la volontà di affrontare la questione solo e soltanto attraverso gli eurobond.

Prima Crimi, poi Conte

Non solo l’opposizione, anche il governo ha deciso di dire la sua. Sia il viceministro dell’interno Vito Crimi che il Premier Conte hanno ribadito il loro NO al MES.

Così Crimi ai microfoni di Radio1: “Noi non accettiamo il Mes perché in ogni caso le condizioni ci saranno. Il testo dice di no ma il trattato dice di sì. Questa la posizione M5S. Il Mes è strumento non idoneo ad affrontare questa crisi ed è molto pericoloso, le conseguenze saranno pagate in futuro” e poi continua “Non è stato attivato il Mes, chi ieri ha cominciato con quella manfrina ha fatto solo il male di questo paese. E’ stata fatta una proposta all’Eurogruppo che sarà portata al Consiglio europeo, è lì che si deciderà”.

Pare quindi che la decisione sul MES non sia ancora arrivata, soprattutto per quanto riguarda l’Italia. Ci ha tenuto a dirlo in pochissime parole anche il premier Conte che sottolinea il suo no al Meccanismo europeo di stabilità, anticipando alcune parole prima della conferenza che a sua detta si terrà più tardi. “La mia posizione e quella del governo sul MES non è mai cambiata”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui