fbpx

Festa della Repubblica, le tappe del Presidente della Repubblica Mattarella

Festa della Repubblica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella prima omaggia il Milite Ignoto all'Altare della Patria poi si reca a Codogno, epicentro della pandemia da Coronavirus

Festa della Repubblica, le tappe del Presidente della Repubblica Mattarella. Si festeggia oggi, 2 giugno, la Festa della Repubblica, con una giornata fitta di impegni per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Quest’ultimo, di prima mattina, ha reso omaggio al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria. Con il Presidente della Repubblica c’erano anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la Presidente del Senato Elisabetta Casellati, il Presidente della Camera Roberto Fico e la Presidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia.

Si è trattato di una cerimonia con pochi intimi, a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 che da mesi ormai sta colpendo l’Italia ed il mondo intero. La cerimonia si è conclusa con il Silenzio e poi con la sfilata delle Frecce Tricolori, a cui hanno assistito alcune decine di persone. Dopo essersi allontanato con il Premier in auto, con un volo privato, poi, il Presidente della Repubblica è andato a rendere il suo omaggio all’epicentro della pandemia, Codogno.

Festa della Repubblica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si reca in visita a Codogno

Al suo arrivo nel centro lombardo Mattarella è stato accolto dal Presidente di Regione, Attilio Fontana, e dai Sindaci lombardi epicentro della pandemia. La folla, nel rispetto delle distanze sociali, avrebbe accolto Mattarella con numerosi applausi. Il Presidente della Repubblica, nel suo discorso, ha indicato come il 2 giugno sia una giornata per riflettere sui valori fondativi repubblicani. Mattarella ha voluto rivolgere il suo augurio più sincero a tutti gli italiani. Secondo il capo del Colle, inoltre, le dimensioni e la gravità della crisi, l’impatto che questa avrebbe avuto sulla vita quotidiana, il dolore che ha colpito le comunità colpite, hanno richiesto a tutti uno sforzo enorme.

Come riportato da Ansa.it, poi, avrebbe ricordato come la crisi non sarebbe ancora finita. Istituzioni e cittadini, dunque, dovranno continuare a confrontarsi a lungo con le conseguenze della crisi. Mattarella avrebbe poi richiesto nuovamente unità, responsabilità e coesione a tutti i livelli della politica. Il Presidente della Repubblica avrebbe poi concluso affermando che la Festa della Repubblica di quest’anno coinciderebbe con un periodo di difficoltà durato diversi mesi, con il Paese che si appresterebbe ad affrontare dunque la ripresa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui