fbpx

Camera dei Deputati, un deputato della Lega contro Silvia Romano

Camera dei Deputati: Alessandro Pagano, deputato della Lega, definisce Silvia Romano una neo-terrorista. Nasce una bagarre in Aula, con la vice Presidente Carfagna a richiamare il leghista. Anche il partito prende le distanze dalle sue affermazioni

Camera dei Deputati, un deputato della Lega contro Silvia Romano. Mattinata convulsa alla Camera dei Deputati dopo che un deputato della Lega, Alessandro Pagano, avrebbe definito Silvia Romano una neo-terrorista. La giovane cooperante era stata liberata sabato scorso dopo 18 mesi di rapimento ed è tornata in Italia la scorsa domenica. La vice Presidente della Camera, Mara Carfagna, avrebbe subito ripreso Pagano, definendo inaccettabili tali dichiarazioni. La situazione, però, avrebbe scatenato una piccola bagarre nell’aula.

Pagano stava illustrando un ordine del giorno al decreto sul Covid-19. Il deputato della Lega avrebbe poi lamentato l’assenza di membri del Governo al funerale del poliziotto a Napoli, mentre diversi esponenti sarebbero andati ad accogliere la Romano a Ciampino. Dopo Pagano ha preso la parola Emanuele Fiano, esponente del Partito Democratico. Questi avrebbe dichiarato inaccettabili le parole del collega dell’opposizione, in quanto diffamanti e calunnianti in termini di codice penale.

Anche il Presidente della Camera, Roberto Fico, avrebbe definito piene d’odio ed inaccettabili le parole di Alessandro Pagano contro Silvia Romano. L’esponente del Movimento 5 Stelle avrebbe definito Montecitorio come luogo di dibattito e confronto, non un luogo dove sia possibile attaccare una giovane ragazza italiana rapita per 18 mesi.

Attacco di Pagano a Silvia Romano nella Camera dei Deputati: la Lega prende le distanze

Immediati gli attacchi via social al deputato Alessandro Pagano. Matteo Orfini, del Pd, avrebbe definito i militanti nella Lega vecchi razzisti e squallidi sessisti. Alessia Morani, invece, avrebbe invitato il leader leghista Matteo Salvini a prendere provvedimenti e cacciare il deputato dal partito. Luigi Marattin, di Italia Viva, avrebbe definito l’episodio come uno dei più bassi visti all’interno della Camera dei Deputati. Laura Boldrini, invece, avrebbe esortato il Presidente della Camera Fico a prendere provvedimenti contro Pagano.

Intanto, dalla Lega, avrebbero fatto sapere di prendere le distanze da quanto dichiarato dal loro deputato in aula. Il capo politico del partito, Matteo Salvini, avrebbe inoltre dichiarato di lasciare in pace Silvia Romano. Per il leader del centrodestra, infatti, il vero problema sarebbe rappresentato dal fanatismo islamico. Per Salvini la Romano sarebbe stata soltanto una persona utile ai rapitori per finanziarsi armi e soldi, con il Governo accusato di averla esibita velata dei suoi nuovi presunti simboli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui