fbpx

Greta Thunberg: “Il Coronavirus ci sta dando la possibilità di cambiare il mondo”

La popolare attivista Greta Thunberg ha parlato del Coronavirus e della possibilità che questo possa portare il mondo a diventare più green

Greta Thunberg: “Il Coronavirus ci sta dando la possibilità di cambiare il mondo”. Torna a parlare Greta Thunberg, la celebre attivista svedese diventata famosa per le sue campagne contro le emissioni di carbonio fuori il Parlamento del paese scandinavo. Greta ha affermato che il mondo è cambiato e si presenta completamente diverso rispetto a com’era prima dello scoppio del Coronavirus. L’attivista ha poi proseguito sostenendo che una Terra così non la vedremo più se non scegliamo un nuovo modo di andare avanti d’ora in poi.

Greta ha parlato nel corso di un evento streaming per l’Earth Day istituito per evidenziare il cambiamento climatico dell’ultimo periodo. Secondo uno studio del Copernicus Climate Change Service il 2019 è stato l’anno più caldo registrato in Europa. I celebri scioperi della scuola della Thunberg l’hanno trasformata in una vera star della lotta per l’ambiente.

Greta: “Vanno affrontate tutte le minacce all’umanità”

Va detto che l’ascesa di Greta Thunberg non è piaciuta a tutti, in primis a Donald Trump, che le ha consigliato di lavorare sui suoi problemi di contenimento della rabbia. Nel frattempo Greta e tutti gli attivisti si chiedono quale sia il ruolo dell’uomo nell’innalzamento delle temperature ma anche come gestire al meglio la pandemia. La Svezia, ad esempio, ha deciso di adottare misure molto leggere rispetto agli altri paesi europei.

Greta Thunberg ha voluto sottolineare come la crisi sanitaria abbia evidenziato la necessità di combattere tutte le minacce agli esseri umani. La giovane attivista ha detto che in una tale situazione bisogna mettere le differenze da parte e agire, con misure che possono portare ad un benessere futuro. Greta ha ammesso, circa un mese fa, che probabilmente era stata contagiata dal Covid-19 in uno dei suoi viaggi. I suoi sintomi, però, non erano così gravi da costringere il sistema sanitario svedese a farle il test.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui