fbpx

Emma Watson compie 30 anni: un’icona femminista d’altri tempi

Emma Watson oggi compie 30 anni! La piccola Hermione ha fatto tanta strada dal 2011, quando ha incontrato il mondo magico di Harry Potter, ad oggi. Icona di bellezza, Emma è un'attivista che si impegna per difendere il genere femminile

Emma Watson compie 30 anni: un’icona femminista d’altri tempi. Il 15 aprile di 30 anni fa nasceva Emma Watson, l’attrice britannica divenuta famosa a 11 anni con il ruolo di Hermione Granger nella saga di Harry Potter. Tutti ricordiamo la fatidica frase “Leviosa, non Leviosà” che nominò nel primo capitolo della saga di JK Rowling ammonendo Ron Weasley. Un volto dai lineamenti delicati macchiato da alcune lentiggini e sprizzante di energia con una chioma riccia e rossa. La piccola Emma dal 2001 al 2011 ha raggiunto un successo sempre maggiore in tutto il mondo grazie alle magie di Hogwarts. Ma sarebbe sbagliato identificare il personaggio di Hermione in Emma. Adesso, l’attrice nata a Parigi è famosa per l’icona femminista che è diventata e si è affermata nel mondo dello spettacolo per altri ruoli importanti, mantenendo l’immagine di una donna curata e forte a cui ispirarsi. Inserita nel 2015 tra le 100 persone più influenti al mondo da Time, oggi la femminista Emma è un modello da seguire.

Cinema e non solo

I primi anni dopo aver appeso la divisa di Hogwarts, si avvicina al mondo della moda con People Tree creando delle linee d’abbigliamento etiche, di cui una in collaborazione con Alberta Ferretti. Nel 2011, Lancôme la sceglie come volto dell’anno e viene nominata “Viso più bello del 2011” dall’Indipendent Critics List. Dopo la lunga parentesi nella serie Harry Potter, Emma Watson interpreta alcuni ruoli tra cui quello di Sam nel film Noi siamo infinito, vincendo il premio come miglior attrice nel 2013, dopo 12 candidature. Seguono Bling Ring e Facciomola Finita prima dell’interpretazione di Ila nel film Noah di Darren Aronofsky nel 2014. L’anno successivo si cala nei panni della principessa Disney Belle sotto la regia di Bill Condon contemporaneamente alla conferma del ruolo in The Circle insieme a Tom Hanks. E infine, l’ultima interpretazione, ad oggi, è la recente di Meg March in Piccole Donne, film diretto da Greta Gerwig arrivato in Italia a gennaio di quest’anno.

L’impegno a fianco delle donne

Non solo un grande attrice. Emma Watson si distingue anche per il suo impegno sociale e politico. Nel 2014 riceve la nomina a Goodwill Ambassador (ambasciatrice di buona volontà) dall’UN Women. L’Organizzazione delle Nazioni Unite si occupa delle parità di genere e dei diritti delle donne nel mondo. Lancia un messaggio importante durante il discorso tenuto alle Nazioni Unite a soli 24 anni: #HeforShe, l’importanza degli uomini nella promozione della parità di genere, dichiarandosi femminista. Partecipazioni a summit e giri per il mondo la portano in Malawi, Bangladesh e Zambia in missione con UN Women. Nel 2018 Emma dona un milione di sterline per le donne vittime di violenze sul lavoro ad una fondazione britannica. Un esempio di impegno assoluto al fianco delle donne.

Emma in quarantena

Il successo ed Emma sono strettamente legati, che riguardi il cinema, la moda o il make-up, il risultato è sempre positivo. E tra le qualità di Emma non si può non inserire l’intelligenza. Ai tempi del Covid-19, Emma ha fatto la sua parte. Sostiene la campagna #StayHome per ricordare a tutti quanti sia importante rimanere a casa. “Mia nonna ha più di 70 anni, quindi particolarmente vulnerabile. “Mia mamma è una diabetica di tipo 1 e la mia migliore amica è un operatore sanitario. Io sto a casa per loro.” dichiara sul suo profilo Instagram ai suoi 56 followers e al mondo. Un’icona femminile in tutti i sensi. Auguri Emma!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui