fbpx

Tra mistero e realtà, Kim Jong-un è vivo e torna in pubblico

Pare essersi risolto il mistero sulle condizioni di salute del capo nordcoreano Kim Jong-un. Sono state infatti pubblicate alcune foto del "grande leader" ad un'inaugurazione di una fabbrica chimica a 50 km da Pyongyang

Tra mistero e realtà, Kim Jong-un è vivo e torna in pubblico. Sono passate circa tre settimane. Su di lui aleggiava un alone di mistero degno di qualsiasi grande dubbio storico. Alcuni lo davano già per morto. Altri si limitavano a dire che non vi erano prove a sufficienza. Ci aveva pensato anche Trump a rassicurare che in realtà il capo di stato nordcoreano fosse vivo. Ieri, per la prima volta da quando hanno iniziato a circolare le voci, Kim Jong-un è tornato in pubblico. Sono state pubblicate 21 foto da parte dell’agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord, la Kcna, che ritraggono Kim ad un’inaugurazione di un una fabbrica chimica a Sunchon.

Kim Jong-un è vivo, mancava in pubblico dal 21 aprile

Le sua ultima apparizione in pubblico risaliva all’11 aprile, e per più di tre settimane c’è stato il buio e il silenzio più assoluto da parte dei media nordcoreani. Voci da Taiwan lo davano per deceduto, come anche l’intelligence statunitense, smentita poi dallo stesso presidente americano. Pare che fosse andato male un intervento chirurgico cardiovascolare. Giravano addirittura delle foto di Kim sdraiato senza vita. È sempre più difficile capire come le notizie vengano gestite in un regime come quello nordcoreano. La difficoltà di diffusione di informazioni, anche di tale importanza, è simbolo di un’arretratezza nella libertà di informazione e di stampa. Il frutto di un regime totalitario ben lontano dall’ideale occidentale a cui siamo abituati e a cui molti dovrebbero ambire.

Le foto che sono state pubblicate nella notte ritraggono Kim sorridente intento a tagliare il nastro per l’inaugurazione di una fabbrica di fertilizzanti in occasione della Festa dei Lavoratori. La stessa agenzia controllata dal regime ha voluto aggiungere che “tutti i partecipanti hanno applaudito fragorosamente e gridato evviva”. 

Non è la prima volta che Kim scompare dai radar dei media mondiali. Infatti anche lo scorso gennaio, dopo essere apparso ad un concerto a Pyongyang, era poi sparito per circa tre settimane senza che nessuno avesse notizie in merito. O ben prima, nel 2014 quando addirittura per 40 giorni non si seppe nulla di lui, per poi vederlo tornare in pubblico accompagnato da un bastone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui