fbpx

Strage in Canada, 16 morti in una sparatoria

La peggior uccisione di massa nella storia del Canada. Avvenuta tra sabato sera e domenica mattina. Un uomo, travestito da poliziotto avrebbe ucciso almeno 16 persone

Strage in Canada, 16 morti in una sparatoria. Una brutta notizia arriva dal Canada. Un uomo travestito da poliziotto ha ucciso almeno 16 persone in Nova Scotia. La strage sembra essere avvenuta nell’arco di 12 ore. Nella serata di sabato l’uomo avrebbe iniziato uccidendo alcune persone in un’abitazione nella piccola comunità rurale di Portapique. Gli agenti intervenuti sul posto hanno trovato i morti sia all’interno che all’esterno della casa. Già nelle prime ore della domenica, il sospettato è stato subito identificato come un uomo di 51 anni di nome Gabriel Wortman. La caccia all’uomo è subito iniziata. Verso le 11.40 della domenica mattina, l’uomo, dopo essere stato riconosciuto a bordo di una Chevrolet argento, è stato affrontato dalla polizia in una stazione di servizio a Enfiled.

La strage

L’uomo era travestito da poliziotto e, prima di cambiare macchina, era alla guida di un mezzo della RCMP (Royal Canadian Mounted Police). È stato trovato dalla polizia in una stazione di servizio a 35 km da Halifax, la capitale della provincia, e lì sembra essere iniziato la sparatoria con le forze di polizia. Dopo aver ucciso almeno 15 civili, l’uomo ha anche colpito un’agente donna, madre di due figli e in servizio da ben 23 anni, rimasta uccisa nel conflitto. Non è ancora chiaro se l’uomo, deceduto, sia stato ucciso dalla polizia o si sia suicidato.

Una violenza senza senso, di un uomo che, hanno fatto sapere, non avere nulla a che fare con la polizia. Il capo della Rcmp, Brenda Lucki, ha dichiarato all’emittente principale, CBC, che è presto per conoscere le cause dell’accaduto, anche se appare immotivato il movente dell’attentato terroristico. Sulla vicenda è intervenuto anche il premier canadese Justin Trudeau che si è detto “addolorato dopo avere appreso della violenza senza senso avvenuta in Nova Scotia”. Si tratta infatti della peggior uccisione di massa, di sempre, nella storia del Canada.

Rsa, scoperta macabra

Intanto anche in Canada si va avanti con il lockdown, e un’altra strage è stata scoperta in una struttura per anziani. In una struttura privata in Quebec sono state trovate 31 vittime. Una scoperta macabra quella della polizia di Montreal. Il personale della Rsa è scappato al momento dello scoppio della pandemia, lasciando gli anziani soli, affamati. Molti di loro sono stati ritrovati disidratati e alcuni erano anche positivi al Covid-19. Non era stato previsto alcun isolamento per la casa di riposo privata Herron. Così erano rimaste solo due infermiere per 130 pazienti. Di questi 31 sono deceduti, solo 5 erano affetti dal virus. Le indagini del caso sono in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui