fbpx

Sardegna, fratelli scomparsi: arrestate due persone per omicidio

Sardegna, i fratelli Mirabello erano scomparsi da Dolianova lo scorso 9 febbraio. Fermati padre e figlio all'alba dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Cagliari: l'accusa è quella di omicidio

Sardegna, fratelli scomparsi: arrestate due persone per omicidio. Possibile svolta nel caso riguardante Massimiliano e Davide Mirabello, fratelli di 35 e 40 anni, scomparsi da Dolianova, nel Sud della Sardegna, lo scorso 9 febbraio. Questa mattina all’alba, infatti, i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Cagliari, avrebbero effettuato due fermi. Si tratterebbe di Joselito Marras, 57 anni, ed il figlio Michael, di 27 anni. L’accusa, per i due, sarebbe quella di omicidio, in quanto protagonisti in passato di diversi diverbi con i fratelli Mirabello. In passato, infatti, ai Marras era stato ucciso un cane e bruciato un capanno con delle attrezzature, oltre ad un’aggressione costata 40 giorni di prognosi al figlio Michael nel 2018.

Nonostante i corpi dei due fratelli non siano ancora stati trovati, diversi sarebbero gli indizi contro la famiglia Marras. Gli investigatori, coordinati dal Pm di Cagliari Gaetano Porcu, avrebbero infatti trovato tracce di sangue lungo la strada dove poi sarebbe stata bruciata l’auto dei Mirabello, in particolare una riscontrata sulla portiera della Fiat Panda dei due presunti assassini, poi sequestrata dai carabinieri. Inoltre sarebbero stati ritrovati anche un paio di guanti sporchi di sangue. Tanti gli elementi a disposizione dei carabinieri che stanno svolgendo indagini accurate. Inoltre, si starebbero seguendo alcune piste alla ricerca di possibili soggetti che potrebbero aver aiutato i Marras ad occultare i cadaveri dei due fratelli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui