fbpx

Rubava gel e mascherine dall’ospedale: arrestato infermiere

Le autorità hanno trovato una quantità industriale di prodotti sanitari in casa e nell'auto, che il 50enne aveva sottratto all'ospedale dove lavorava

Rubava gel e mascherine dall’ospedale: arrestato infermiere. Un infermiere romano è stato arrestato dopo che le autorità hanno scoperto nella sua casa e nella sua macchina un’enorme quantità di gel disinfettanti, mascherine, guanti, garze, igienizzanti e simili. L’infermiere, che aveva accumulato il materiale sanitario sottraendolo a colleghi e, addirittura, pazienti, è stato portato nel carcere di Regina Coeli dopo essere stato colto in flagrante. Ancora non è stato chiarito se lo scopo dei furti fosse per rivendere i prodotti o tenerli per sé, resta il fatto che l’infermiere ora è in carcere con l’accusa di peculato.

Le indagini sull’infermiere duravano da tempo: infatti l’uomo è stato arrestato mentre si apprestava a rientrare a casa dopo il turno notturno in ospedale. Nell’auto del 50enne c’era moltissimo materiale sanitario: garze, soluzione fisiologica, dispositivi di protezione e disinfettanti, dopo di che le forze dell’ordine si sono spostate a Lariano, per controllare la casa dell’infermiere. Nell’abitazione vi erano nascosti altri prodotti sanitari appartenenti al pronto soccorso e quattro cellulari tutti di proprietà dell’uomo.

Infermiere infanga tutta la categoria

Ha commentato l’accaduto l’assessore della Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato:Tanta rabbia ed amarezza per l’infedele comportamento dell’infermiere che infanga l’intera categoria, quotidianamente impegnata per contrastare il virus rischiando le loro vite. Questo vile comportamento non intacca la moltitudine degli operatori sanitari che combattono ogni giorno contro il Coronavirus. La ASL ha già provveduto per avviare la procedura per il licenziamento. Voglio ringraziare la Polizia di Stato per la brillante operazione svolta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui