fbpx

Roberto Burioni dice stop alla televisione ed entra in “ferie forzate”

Lo abbiamo visto e sentito tutti, in televisione e alla radio. Molti hanno acquistato il suo libro. Ma adesso Roberto Burioni dice basta, annuncia il silenzio stampa

Roberto Burioni dice stop alla televisione ed entra in “ferie forzate”. Per mesi è stato ospite fisso a “Che Tempo che fa”, il programma di Rai Uno condotto da Fabio Fazio la domenica sera. Nelle sue “ospitate”, Roberto Burioni è stato protagonista semi indiscusso del salotto Tv, tutto incentrato sulla pandemia di Covid-19 che ha messo in ginocchio l’Italia. Per tre mesi, il virologo ha cercato di far capire cosa stava accadendo, a livello virologico e medico, in termini semplici. Grande tifoso della Lazio, Burioni è uno dei più attivi sostenitori dei vaccini e della divulgazione del sapere scientifico. E’ sempre stato oggetto di critiche, spesso anche pesanti, ma non ha mai perso le staffe. Però adesso dice basta: in un’intervista al Corriere della Sera annuncia di lasciare la televisione e di voler tornare all’insegnamento.

“Esperienza importante, mi hanno attributo di tutto, ora torno dai miei studenti”, così Burioni abbandona il piccolo schermo

Roberto Burioni medico e professore ordinario di Microbiologia e Virologia all’Università “Vita-Salute San Raffaele” a Milano in un’intervista rilasciata a Roberta Scorranese de Il Corriere della Sera annuncia lo stop alla televisione. Il medico vuole tornare nelle aule universitarie: “Voglio scrivere un testo accademico per i miei alunni, mi sono mancati”. Continuando l’intervista, Burioni che pur si è sentito gratificato dell’esperienza in televisione, dice che i tempi della tv non sono quelli universitari: c’è il rischio di essere travisati e che le parole estrapolate dal contesto vengano usate per calunniare. La giornalista, poi, chiede a Burioni come mai venga così attaccato anche nei social media: il medico sa benissimo che non è ben visto, soprattutto da quando nel 2016 si è schierato a favore dei vaccini, richiamando l’ira di alcuni partiti politici.

Così ha deciso: basta televisione, solo scuola e libri. Dopo l’uscita del suo libro “Virus”, Burioni vuole staccare. Ma sarà così? Davvero non leggeremo più nessuno dei suoi tweet irriverenti? Staremo a vedere…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui