fbpx

Professor Antonio Zangrillo choc, ecco cosa dice sul Coronavirus

Il Professor Zangrillo, del San Raffaele di Milano, alla trasmissione Mezz'ora in più di Lucia Annunziata su Rai 3, dice: "Il Coronavirus non esiste più"

Professor Antonio Zangrillo choc, ecco cosa dice sul Coronavirus. Dichiarazioni choc di Alberto Zangrillo, Primario dell’Ospedale San Raffaele di Milano. Il dottore, infatti, ospite della trasmissione Mezz’ora in più su Rai 3, avrebbe parlato del Coronavirus. Secondo Zangrillo, il Covid-19 clinicamente non esisterebbe più. Osservando la situazione in Lombardia, poi, avrebbe affermato: “Mi viene da ridere pensando che circa un mese fa gli epidemiologi pensavano ad una nuova ondata della pandemia prevista tra la fine di maggio e gli inizi di giugno. Avevano previsto inoltre tantissimi posti in terapia intensiva da occupare. Oggi, invece, i dati evidenzierebbero come il virus non esista praticamente più dal punto di vista clinico”.

Zangrillo ha affermato come le sue dichiarazioni siano accompagnate da dati evidenziati da uno studio della Emory University di Atlanta. I tamponi eseguiti negli ultimi 10 giorni, infatti, avrebbero rivelato una carica virale infinitesimale rispetto a quelli che venivano eseguiti uno o due mesi fa sui pazienti. Il professore avrebbe poi dichiarato come le sue dichiarazioni siano fatte nel pieno rispetto di tutte le migliaia di vittime che ci sono state in Italia. La soluzione, però, dal suo punto di vista, sarebbe dovuta essere quella di dare la parola ai virologi veri, e non a coloro che si auto proclamano esperti.

Zangrillo: “I numeri da mesi forniti dalla Protezione Civile hanno valore zero”

Il Professor Zangrillo, nel proseguo della trasmissione, avrebbe rivolto anche qualche critica alla Protezione Civile. Secondo il primario del San Raffaele di Milano, infatti, i numeri che ogni giorno forniscono Angelo Borrelli, Silvio Brusaferro ed il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità sarebbero numeri con valore pari a zero. Inoltre domani dovrebbe uscire un editoriale a firma Zangrillo-Gattinoni. Si parlerà anche del perché le previsioni di Vespignani, Professore a Boston. Questi un mese fa aveva previsto 151 mila pazienti in terapia intensiva, sarebbero state completamente errate. Alla domanda della Annunziata sul fatto che stesse dicendo cose molto dure ed importanti, al termine dell’intervista, il medico ha sottoscritto tutto quanto precedentemente detto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui