fbpx

Mario Giordano su Feltri: “Sempre contento di ospitarlo ma non condivido il suo pensiero”

Il giornalista Mario Giordano si è espresso sulle recenti dichiarazioni di Feltri alla sua trasmissione. Nonostante il piacere nell'averlo come ospite, Giordano si dissocia dal suo pensiero e si scusa. Nel frattempo, il direttore di Libero specifica che il suo concetto d'inferiorità era riferito all'ambito economico e non parlava di "cervelli"

Mario Giordano su Feltri: “Sempre contento di ospitarlo ma non condivido il suo pensiero”. Il giornalista e conduttore Mario Giordano si è espresso sulle ultime dichiarazioni di Vittorio Feltri sui meridionali. Dopo l’aggettivo associato dal Direttore di Libero a questi ultimi, alcune edicole hanno deciso di non vendere più il suo giornale e molti giornalisti, politici e VIP si sono espressi in merito alla vicenda. Anche il direttore del TG4 Giordano è intervenuto, spinto da una volontà di chiarimento maggiore, soprattutto in merito ai messaggi ricevuti. Nell’incertezza di una posizione chiara, Giordano ha rimosso qualsiasi tipo di dubbio. Mediante il suo profilo Twitter, esprime il disaccordo del pensiero di Feltri, nonostante sia sempre contento di ospitarlo e dargli la possibilità di esprimere la sua opinione.

Mario Giordano: le scuse in diretta

Non contento del risultato ottenuto mediante cinguettii digitali, ha espresso il concetto in trasmissione al TG4 e mediante un video su Facebook. Giordano parla di unione italiana, l'”Italia è solo una“, secondo il giornalista, e non esistono divisioni. Si dissocia nuovamente dal pensiero di Feltri aggiungendo anche che non crede volesse intendere una differenziazione antropologica ma sicuramente economica. Precisa che vuole bene a tutti gli italiani, che ama indistintamente Nord, Sud, Centro e Isole. Si scusa con tutti “se ho sbagliato a non dissociarmi abbastanza mi dispiace“. Su Feltri poi aggiunge che è un bravissimo giornalista che ha però detto una cosa che non sta né in cielo né in terra e su cui si dissocia. Insomma un discorsetto degno di nota in cui non si possono non apprezzare le scuse di Giordano. Alla giuria il compito di dare un punteggio alla sua credibilità.

A proposito di meridionali… vi devoDire una cosa

Pubblicato da Sanguisughe su Giovedì 23 aprile 2020

Feltri: “Parlo di soldi non di cervelli”

Come Giordano si è espresso sui social, anche Feltri non si è tirato indietro ed ha precisato cosa volesse effettivamente dire. Su Twitter parla di un’evidente inferiorità economica tra Nord e Sud, distinguendo l’antropologia dal “portafogli“, focalizzandosi sull’aspetto economico. “Chi non lo riconosce è in malafede“, aggiunge poi Feltri, che conclude in tweet parlando di strumentalizzazione delle proprie affermazioni. Ma non è tutto. Feltri ci tiene a chiarire che il suo punto si focalizzava sul piano economico e non sui “cervelli“. Posta un altro tweet, infatti, in cui evidenzia la differenza di reddito pro capite tra Lombardia, 37.258 euro, e Mezzogiorno, 19.000 euro.

Il concetto esposto da Feltri ha evidenti dati da supporto e non costituisce più di tanto una novità. La differenza economica tra Nord e Sud potrebbe anche essere considerata come una caratteristica del nostro Paese. Così come lo sono gli output produttivi delle varie regioni. Può definirsi come un problema? Diciamo che dipende. Dipende da come viene esposto, da come viene trattato e da quali soluzioni si propongono in merito. Il puntualizzare tale differenza con determinate dichiarazioni, quali benefici comporta? Fa riflettere gli italiani sulla stratificazione attuale di un’Italia che, alla porte della Festa della Liberazione, in quarantena, con quasi 26 mila morti per Coronavirus, tutto sembra tranne che unita?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui