fbpx

L’infettivologo Bassetti: “In Italia nessun morto di Coronavirus”

L'infettivologo e Direttore dell'Ospedale San Martino di Genova Matteo Bassetti sul Coronavirus in Italia: "Nessuno è morto di Coronavirus, se uno entra in ospedale per un infarto e contrae il virus la causa della morte è l'infarto"

L’infettivologo Bassetti: “In Italia nessun morto di Coronavirus”. Torna a far parlare di se l’infettivologo e Direttore dell’Ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti. Dopo le sue posizioni, inizialmente contrarie alla pericolosità del Coronavirus in Italia, come tutti i suoi colleghi era sceso in battaglia contro il virus e ne aveva concepito la pericolosità. Bassetti aveva anche generato polemica sulle mascherine: l’infettivologo, infatti, aveva dichiarato che negli spazi aperti non avrebbe indossato le mascherine in quanto non sarebbero servite.

Come riportato in un’intervista da finance.yahoo.com, l’ultima dichiarazione del Direttore dell’Ospedale San Martino di Genova sarebbe di quelle scioccanti. Bassetti avrebbe dichiarato che nessuno sarebbe morto di Coronavirus in Italia. Il dottore, pur professandosi cristianamente vicino alle famiglie colpite, avrebbe detto che se un italiano entra in ospedale per infarto per poi morire di Covid-19, questo in realtà sarebbe morto di infarto e non andrebbe conteggiato nell’elenco delle vittime del virus.

Bassetti controcorrente: “Le mascherine allo spazio aperto non le metto”

Il medico avrebbe anche ribadito una delle sue tesi iniziali, ossia che il Coronavirus sarebbe più simile ad un’influenza, certamente molto brutta e potente. Ad oggi, nel nostro Paese, secondo Bassetti nessuno sarebbe morto a causa del virus. Inoltre secondo l’infettivologo molti dei pazienti che avrebbero contratto la malattia sarebbero tranquillamente nelle loro case come si trattasse di un’influenza.

L’esperto infettivologo avrebbe chiuso il suo intervento dicendo che per proteggersi non bisogna fare nulla, in quanto l’attenzione sarebbe già abbastanza alta. “Nel 90% dei casi la malattia non è grave, e non me lo sto inventando io. I numeri provenienti dalla Cina, dove il sistema sanitario è realmente arrivato al collasso, dimostra che il Coronavirus ha un tasso di mortalità molto basso, intorno al 2%“. La tesi del dottor Bassetti sarebbe inoltre supportata anche da alcuni esponenti di spicco della politica italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui