fbpx

Il bollettino dell’Italia: 274 morti, ma calano ancora i contagi

Italia: calano ancora i contagi ed i pazienti ricoverati in terapia intensiva a causa del Coronavirus. Ancora alto, però, il numero di morti, con 274 decessi nelle ultime 24 ore

Il bollettino dell’Italia: 274 morti, ma calano ancora i contagi. Prosegue la lenta discesa della curva dei contagi in Italia. A comunicarlo, con il bollettino diffuso quotidianamente, la Protezione Civile. Ad oggi sono 89.624 i malati, con un calo nelle ultime 24 ore di quasi 2.000 pazienti. Ancora una volta alte, seppur in calo rispetto a ieri, il numero delle vittime: i decessi in Italia, nelle ultime 24 ore, sono stati 274, per un totale di 29.958. I guariti, invece, sfiorerebbero i 100 mila, con un incremento nell’ultimo giorno di 3.031.

Continuano a scendere anche i pazienti ricoverati in terapia intensiva: ad oggi infatti, questi sono 1.311, con un decremento di 22 rispetto alla giornata di ieri. Nel frattempo, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, avrebbe invitato a tenere alta la guardia. Da soli quattro giorni, infatti, il Governo ha allentato le misure sul lockdown, ma i risultati di questi primi passi verso la normalità si vedranno solo nei prossimi giorni. Non sarebbe così escluso che, nel caso in cui la curva dovesse tornare a salire, il Paese possa essere nuovamente chiuso.

Covid-19 - La tabella della situazione al 7 maggio
Covid-19 – La tabella della situazione al 7 maggio

Il bollettino in Italia: il 50% dei nuovi contagi proverrebbe dalla Regione Lombardia

I dati avrebbero evidenziato come, circa il 50% dei nuovi casi di contagio da Coronavirus in Italia, arriverebbero dalla Regione Lombardia. Ad oggi sono 15.174 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere con sintomi, mentre 73.139 sono quelli attualmente in isolamento domiciliare. Sempre nella Regione Lombardia si troverebbero la metà dei decessi delle ultime 24 ore, con ben 134 vittime sulle 274 totali. Riguardo il numero di tamponi, Borrelli avrebbe dichiarato che si atterrebbero all’andamento del virus.

Il capo della Protezione Civile, in audizione alla Commissione Affari Costituzionali, avrebbe anche annullato 13 dei 52 contratti previsti per forniture di mascherine. Queste, così, passeranno da 354 a 317 milioni di dispositivi. Inoltre di questi 52 contratti, 22 sarebbero stati trasferiti al Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri. A rendere difficile la reperibilità di mascherine anche la chiusura del traffico aereo nelle settimane scorse a causa della pandemia in tutto il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui