fbpx

Germania, uno studio choc: “Contagiate quasi 2 milioni di persone”

Germania, secondo uno studio condotto dall'Università di Bonn sarebbero 1,8 milioni le persone realmente contagiate nel Paese. Intanto si tornano a celebrare le Messe in presenza dei fedeli

Germania, uno studio choc: “Contagiate quasi 2 milioni di persone”. In Germania, attualmente, sarebbero 163.175 le persone contagiate dal Coronavirus, a fronte di 6.866 decessi. Lo rivelerebbe il Robert Koch Institute, secondo quanto riferito da Unionesarda.it. I dati, però, non sarebbero quelli reali. Secondo quanto uscito da uno studio promosso dall’Università di Bonn, infatti, le persone realmente contagiate in Germania sarebbero circa 1,8 milioni. Lo studio è stato condotto dal virologo tedesco Hendrick Streeck e la cifra sarebbe ritenuta teorica.

Inizialmente la ricerca era stata condotta soltanto sul Gangelt, un centro che si trova nel distretto di Heinsberg, nel Land del Nordreno-Vestfalia. Gli studiosi, infatti, hanno ritenuto quella zona come l’epicentro della pandemia in Germania, salvo poi estendere lo studio a tutta la Nazione tedesca. Nel Gangelt il virus si è iniziato a manifestare durante il periodo di Carnevale. In quella zona, comunque, secondo gli studiosi la situazione manifestatasi a causa del virus sarebbe solo parzialmente paragonabile a quella dell’intero Paese.

Germania, sarà consentito alle persone di poter partecipare alle celebrazioni delle Messe

Nel frattempo, in Germania, piano piano si sta cercando di tornare alla normalità, con le persone che sono tornate a lavorare e girare per il Paese. Potrebbe riprendere nelle prossime settimane anche la Bundesliga, il campionato di calcio tedesco. Domani riapriranno anche le scuole, dalla quinta elementare in su. Nel frattempo, sarà possibile tornare anche a celebrare le Messe in presenza dei fedeli. Secondo quanto rivelato la BBC, infatti, il Paese teutonico avrebbe introdotto severe restrizioni per permettere la normale funzione religiosa.

Le Chiese, infatti, dovranno limitare il numero di presenti in Chiesa e, questi, dovranno mantenere la distanza di sicurezza di almeno due metri. Non si potranno effettuare i canti, in quanto i funzionari sanitari ritengano possano aiutare a diffondere il virus nell’aria. I sacerdoti, inoltre, saranno obbligati ad indossare le mascherine quando daranno la comunione ai fedeli.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui