fbpx

Francia, riaperto il sagrato della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi

Francia, riaperto oggi il sagrato della Cattedrale di Notre-Dame. Dal 6 luglio potrebbe riaprire anche il Museo del Louvre. Intanto, ieri, altri 57 morti in 24 ore a causa del Coronavirus. Il Ministro degli Esteri Le Maire: "Non usufruiremo del Mes, ma ha ottime condizioni"

Francia, riaperto il sagrato della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi. In tempi di Coronavirus le belle notizie sono sempre benvenute. Infatti, questa mattina, è stato riaperto il sagrato di Notre-Dame di Parigi, a poco più di un anno dal grave incendio che distrusse parte della Cattedrale. La riapertura è stata annunciata dalla Diocesi, accompagnata dal Comune di Parigi e dalla ditta che sovrintende i lavori di restauro.

Dopo l’incendio del 15 aprile 2019, infatti, sul sagrato venne registrato un inquinamento da piombo ed per questo motivo era stata disposta la chiusura della “Rue du Parvis”. Dopo il parere favorevole giunto lo scorso venerdì dall’Agenzia regionale della Salute dell’Ile de France, però, il Prefetto di Parigi avrebbe autorizzato la riapertura sia del sagrato sia della strada. A scopo precauzionale, comunque, il sito sarà sottoposto a prelievi ed igienizzazione con tempi regolari.

La riapertura avverrà nel pomeriggio di oggi ove saranno presenti l’arcivescovo di Parigi, Monsignor Michel Aupetit e la sindaca di Parigi Anne Hidalgo. Presenzierà anche il dirigente della società pubblica Jean Louis Georgelin. Nel Paese transalpino, anche il Museo del Louvre si appresterebbe a riaprire: la data probabile dovrebbe essere il 6 luglio.

Francia, dalle buone notizie su Notre-Dame di Parigi agli aggiornamenti sul Coronavirus

Intanto, in Francia, continuerebbe la discesa della curva della pandemia da Coronavirus registrando ieri 57 vittime in 24 ore. In totale i decessi sarebbero 28.771, mentre i contagiati totali sarebbero almeno circa 151 mila. Nel conteggio ultimo non ci sarebbero i morti delle case di riposo, che saranno inseriti nella giornata di martedì, vista la festività della Pentecoste di oggi.

Nel frattempo, il Ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, a Repubblica, avrebbe detto la sua sul Mes. “La Francia non ne usufruirà. Però le condizioni poste dall’Europa sarebbero davvero favorevoli. Il Ministro Le Maire è stato tra i protagonisti dell’accordo franco-tedesco ripreso dalla Commissione Europea nella giornata di mercoledì scorso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui