in

Earth day, si festeggia il pianeta per la sua salvaguardia

Earth day, si festeggia il pianeta per la sua salvaguardia
Earth day, si festeggia il pianeta per la sua salvaguardia

Earth day, si festeggia il pianeta per la sua salvaguardia. Domani, 22 aprile, si festeggia il 50° Earth Day, la più grande manifestazione ambientale al mondo. Un evento che ogni anno coinvolge ben più di un miliardo di persone. Sfortuna vuole che, nella 50esima edizione della manifestazione, i suoi abitanti siano un po’ in difficoltà, più o meno ovunque essi siano dislocati. La faccia migliore della medaglia però ci parla di una Terra che in questi mesi ha ripreso a respirare, complice l’abbassamento dell’inquinamento. Infatti grazie ai lockdown, attivi nei paesi tra i più industrializzati al mondo, si è notato un drastico calo dell’inquinamento atmosferico. In un certo modo potremmo chiederci: quale miglior modo per festeggiare la sua salvaguardia?

Come nasce l’Earth Day

Questa grande manifestazione nasce il 22 aprile 1970. Lo scopo è quello di voler dare importanza alla necessità di conservazione di tutte le risorse naturali terrestri. Nasce, come anche tanti altri, da un movimento universitario, per diventare poi una manifestazione educativa ma anche informativa, seguita da più di un miliardo di persone. L’idea di una Giornata Mondiale della Terra nacque, propugnata dal senatore Nelson, per la prima volta nel 1962, negli anni della guerra in Vietnam e delle proteste contro quest’ultima.

Prese forma in via definitiva nel 1969, a seguito del disastro ambientale della Union Oil al largo di Santa Barbara, in California, dove fuoriuscirono litri e litri di petrolio da un pozzo. Il senatore Nelson, dopo che convinse dell’idea anche il presidente Kennedy prima della sua morte, voleva sensibilizzare quante più persone sull’argomento. Disse: “Tutte le persone, a prescindere dall’etnia, dal sesso, dal proprio reddito o provenienza geografica, hanno il diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile“. Il 22 aprile 1970, 20 milioni di cittadini, in tutti gli Stati Uniti, si mobilitarono per manifestare a difesa della Terra.

La manifestazione negli anni

Simbolico fu il ventesimo compleanno della manifestazione. Alcuni partecipanti al movimento, salirono sul monte Everest e durante la discesa portarono alla base due tonnellate di rifiuti lasciati nel corso degli anni da vari scalatori e non solo, ripulendo così il monte. Nel 2000, grazie anche alla diffusione di internet, l’evento divenne di importanza globale, raggiungendo tante associazioni ambientaliste così come anche personaggi famosi, come Leonardo di Caprio. Nel corso degli anni i partecipanti  coinvolti dalla manifestazione, sono diventati più di un miliardo, coinvolgendo 192 paesi in tutto il mondo.

Lo scopo

Come affermato anche sul sito ufficiale Earthday.org lo scopo principale, portato avanti dalla Green Generation, è quello di plasmare il futuro, per renderlo sostenibile ecologicamente. Un futuro libero dall’energia dei combustibili fossili, e rivolto ad una responsabilizzazione individuale, per un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali. I problemi da affrontare sono svariati: l’inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi con la conseguente scomparsa di migliaia di piante e specie animali, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

Evento che va molto d’accordo con il Fridays For Future, movimento lanciato dall’attivista ambientale Greta Thunberg. Movimento mai così attuale e necessario, per un mondo del quale bisogna assolutamente prendersi cura, per un futuro migliore.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Mes, Renzi: "Lo farei di corsa"

Mes, Renzi: “Lo farei di corsa”

Conte sulla fase 2: "Riaprire ora sarebbe irresponsabile"

Conte sulla fase 2: “Riaprire ora sarebbe irresponsabile”