fbpx

Coronavirus, un’estate al mare… forse

Ora il dubbio sono le vacanze estive. Mare o montagna, gli assembramenti sono il rischio più grande che possiamo correre e la maggiore via di diffusione del virus. Si lavora ad una soluzione ma i pareri, come sempre, sono divergenti

Coronavirus, un’estate al mare… forse. Messa da parte una fantastica primavera ormai persa e messi da parte tutti i ponti dei quali dovremo fare a meno, il prossimo dubbio è sulle vacanze estive. Si potrà andare al mare? Forse sì, forse no. Come sempre le opinioni si dividono. La politica vorrebbe cercare di riaprire il prima possibile per cercare di dare nuova linfa al turismo, mentre gli esperti sono meno ottimisti. La contagiosità del virus è altissima, lo sappiamo, e per i medici, anche qualora si dovesse a zero morti e zero contagiati, si rischierebbe troppo.

Nel frattempo, però, Lorenza Bonaccorsi, sottosegretario alla Cultura, avrebbe azzardato una previsione che al momento sa più di antidepressivo che di vera rassicurazione: “Questa estate andremo al mare. Stiamo lavorando perché sia così”. Un’uscita allo scoperto che ha sorpreso tutti: sia la costola balneare della Confcommercio, sia i medici. I primi credono sia possibile ma chiedono sicurezza e “misure concordate e uniformi su tutto il territorio nazionale”; mentre i medici cercano i frenare gli entusiasmi.

“Aspettate a prenotare le vacanze, le previsioni non sono affidabili”

A rispondere alla Bonaccorsi è Mario Schiavina, direttore dell’Unità di Pneumologia e Terapia intensiva dell’ospedale Policlinico Sant’Orsola di Bologna, che avverte: “Il virus potrebbe riesplodere alla prima sciocchezza”. Posizione che anche Ursula Von der Leyen sembra condividere. Il Presidente della Commissione europea sarebbe infatti uscita allo scoperto cercando di calmare gli entusiasmi: “Aspettate a prenotare le vacanze. Nessuno può fare previsioni affidabili”. Pasqua, pasquetta, 25 aprile, primo maggio e, forse, anche Ferragosto a casa. Tanto vale prepararsi perché fare previsioni è impossibile e magari un via libera potrebbe rendere l’estate ancor più divertente…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui