in

Coronavirus, Trump contro l’Oms, Johnson è stabile

Coronavirus, Trump contro l'Oms, Johnson è stabile
Coronavirus, Trump contro l'Oms, Johnson è stabile

Coronavirus, Trump contro l’Oms, Johnson è stabile. Giornata da dimenticare, mai così tanti i morti negli Stati Uniti in sole 24 ore. I casi americani salgono praticamente a 400 mila. Il tutto nella giornata in cui in Italia si inizia a vedere la luce. In Cina riapre la città di Wuhan per la gioia di tutti i cittadini, mentre in tutta la Cina i contagi, secondo i dati ufficiali si sono stabilizzati. Il totale dei contagi nel mondo ad oggi sale a 1.431.375, con 82.145 decessi.

Europa

La Svezia pare essere pronta a rivedere le sue posizioni sulle restrizioni per la pandemia. Cambiare strategia in corso, quello che vuole fare il primo ministro socialdemocratico svedese Stefan Löfven. Lo stesso primo ministro ha chiesto e ottenuto, secondo quanto riporta il Corriere della sera, dei poteri eccezionali per poter prendere provvedimenti in solitaria, senza dover passare dal parlamento. Ciò che ha influito su questa scelta è stato il rapido crescere dei contagi, con l’arrivo a 7.693 infetti nella giornata di ieri. I decessi registrati sono 591.

Il bilancio è ancora triste per la Spagna che si ritrova a fare i conti con 141.942 infetti e 14.045 decessi. Solo nella giornata di ieri il numero dei morti riportato è stato di 743 ai quali vanno aggiunti altri 247 decessi delle ultime ore, secondo i dati della Johns Hopkins University. In Francia intanto ci si appresta a registrare “il peggior dato di crescita mai realizzato dal 1945”. Queste le parole del ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire. La recessione che dovrà affrontare la Francia sarà molto forte, a causa di tutte le conseguenze economiche della pandemia. I numeri in Francia nel frattempo parlano di 110.070 contagi con un tasso di mortalità che continua ad aumentare e ora tocca il 9,4%.

Dal Regno Unito arrivano notizie confortanti per quanto riguarda il primo ministro Boris Johnson. Le sue condizioni sono stabili, non ha bisogno di ventilazione meccanica, e inoltre, fanno sapere da Downing Streetpare che sia “su di morale”. Le sue condizioni comunque non rimangono ottimali, in quanto ha comunque bisogno di una somministrazione “standard di ossigeno”. Il bilancio dei contagi e delle vittime non fa comunque rilassare i britannici. Il numero degli infetti sale a 55.949 con un tasso di mortalità dell’11%.

Stati Uniti

È una giornata nera per gli Stati Uniti, una di quelle da dimenticare in fretta. Da non dimenticare però ci saranno i 1.909 decessi registrati in sole 24 ore a causa del coronavirus. Un numero gigantesco che va a portare il totale dei decessi a 12.907. Il numero dei contagi probabilmente avrà già superato quota 400 mila, ma secondo i dati ufficiali gli infetti sono 399.886. Lo stato che conta più casi di contagio rimane quello di New York che supera addirittura l’Italia, toccando quota 135.586 di cui 76 mila circa solo nella Grande Mela. 

Nel frattempo Trump passa all’attacco. Il bersaglio è l’Oms: “ha sbagliato. Finanziata in larga parte dagli Stati Uniti è per qualche motivo Cino-centrica. Fortunatamente ho respinto il loro consiglio di tenere aperti i confini alla Cina all’inizio. Perché dare una raccomandazione così sbagliata?”

Cina

In Cina il numero dei casi rimane stabile, solo circa 60 i contagi nuovi, tutti importati secondo quanto riferito dalle autorità locali. Nel frattempo è stata riaperta la città di Wuhan alle ore 18 italiane di ieri. Molta la felicità tra i cittadini.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Lego Super Mario entra in commercio. Ecco il prezzo di tutti gli articoli

Lego Super Mario entra in commercio: ecco il prezzo di tutti gli articoli

Coronavirus: Ferrari deluso dall'UE, lascia il CER

Coronavirus: Ferrari deluso dall’UE, lascia il CER