fbpx

Coronavirus: “Pearl Harbor moment” negli Stati Uniti, Johnson in ospedale

Crescono i contagi e le morti negli USA. In Inghilterra il primo ministro viene ricoverato in ospedale. L'Italia rimane il paese con più vittime

Coronavirus: “Pearl Harbor moment” negli Stati Uniti, Johnson in ospedale. Sale incontrollato il numero dei contagiati in tutto il mondo, mentre in Italia calano per la prima volta i ricoverati. Dal bollettino di ieri notiamo anche la continua diminuzione dei casi in terapia intensiva. Gli Stati Uniti rimangono lo stato con più contagiati e ora anche il numero dei morti inizia a preoccupare sia il presidente Trump che il capo della sanità. Anche il Giappone realizza il problema della pandemia. Il numero di infetti totali nel mondo è ora di 1.275.542 casi, con 69.514 decessi.

Europa

Il Regno unito va a dormire con un pensiero in più. Dopo il discorso della regina Elisabetta di ieri sera, Boris Johnson viene ricoverato in ospedale per degli esami di controllo. Dal Guardian arrivano le parole di un portavoce di Downing Street: “Il primo ministro, su consiglio del suo medico, è stato ricoverato in ospedale per esami. E’ un passo precauzionale, visto che continua a mostrare sintomi persistenti del coronavirus da 10 giorni dopo essere risultato positivo”. Per ora nulla di preoccupante insomma, in via precauzionale comunque è stato ricoverato per il prolungato manifestarsi dei sintomi. Il numero dei contagi nel Regno Unito intanto sale a 48.840 con il tasso di mortalità ancora stabile e di poco superiore al 10%.

In Germania invece per la prima volta viene superata la soglia dei 100 mila contagi. Il tasso di mortalità rimane intorno al 1,5%. La parte più colpita del paese è lo stato della Baviera, dove, secondo quando riportato da Adnkronos, i contagi sono 24 mila e i morti 383. La nazione che in Europa continua ad essere più colpita è la Spagna che supera definitivamente l’Italia in quanto a contagi, segnando 131.646 infetti totali e 12.641 morti.

Stati Uniti

“Ci aspetta la settimana più dura e più triste, sarà un ‘Pearl Harbor moment’ o come l’11 settembre“. Queste le parole del capo della sanità degli USA, che nel corso della giornata di ieri ha voluto ribadire quanto detto anche dal presidente Trump secondo cui ci saranno “molti morti nelle prossime settimane”. Si parla infatti di una “situazione incredibile e mai vista finora”. I contagi ufficiali continuano a salire e ora toccano i 337.637 infetti totali e 9.647 decessi. Numeri destinati a salire secondo le autorità. Lo stato più colpito rimane quello di New York, con ben 3.048 decessi.Il governatore dello stesso stato, Andrew Cuomo, ha voluto però dare forza ai cittadini tramite un video postato sul suo account twitter ricordando a tutti cosa voglia dire essere americani e soprattutto Newyorkesi.

Giappone, stato di emergenza

Dal Giappone arriva una notizia inaspettata per come avevamo visto la città e i suoi abitanti negli scorsi giorni, visti anche i dati ufficiali. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe pare sia intenzionato a proclamare lo stato di emergenza a causa della pandemia da coronavirus. La notizia è dell’agenzia Kyodo la quale cita fonti governative. Viene inoltre spiegato come verranno chiuse le scuole e verrà anche chiesto a tutti i cittadini di rimanere a casa. Il numero ufficiale di contagi nel paese del Sol levante è di  3.654 con soli 84 decessi ufficiali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui