in

Coronavirus, medico nasconde la compagna in auto e va a festeggiare il figlio

Coronavirus, medico nasconde la compagna in auto e va a festeggiare il figlio
Coronavirus, medico nasconde la compagna in auto e va a festeggiare il figlio

Coronavirus, medico nasconde la compagna in auto e va a festeggiare il figlio. La quarantena continua a regalare aneddoti curiosi con cui fare i conti ormai tutti i giorni. C’è chi si riscopre runner dopo anni di inattività, chi usa la scusa degli animali domestici per giustificare un’uscita di straforo. Solo qualche giorno fa la notizia della nonnina multata per essere uscita a fare la spesa ben undici volte in un giorno ci aveva strappato qualche risata (ma non solo), ora apprendiamo con maggiore sdegno la storia del medico veronese che ha nascosto la compagna nel portabagagli dell’auto per recarsi insieme alla festa di compleanno del figlio.

Medico nasconde la compagna in auto e va alla festa del figlio. “Cosa divertente, cosa c***o volete?”

Chi l’avrebbe detto che alla fine la storia più scioccante sarebbe arrivata proprio dal rappresentante della categoria più vicina alla gestione dell’emergenza che dallo scorso febbraio tiene in scacco l’intera Nazione. Protagonista dell’accaduto il chirurgo estetico Paolo Baschirotto che in diretta Instagram ha ben pensato di nascondere l’attuale compagna nel bagagliaio della sua auto per evitare di spiegare alle Forze dell’Ordine perché si stesse muovendo di casa insieme ad un’altra persona.

Rintracciato dalla giornalista di TPI il medico ha provato a ridimensionare il fattaccio in maniera ancor più maldestra finendo per screditarsi ulteriormente e agevolando il compito delle Autorità che procederanno contro di lui. “Ho pubblicato una cosa che mi sembrava simpatica” – esordisce così Boschirotto, che poi continua – “Io sono separato e ho una nuova compagna. Ero a un chilometro e 300 metri da quella casa dove sono andato a fare gli auguri a mio figlio che non vedo da un mese. Visto che c’era anche la mia compagna che gli voleva fare gli auguri non volevamo rischiare di prendere una multa. Quindi lei ha detto: mi metto nel portabagagli, facciamo questa cavolata e buonanotte al secchio”.

Una goliardata, dunque, una boutade che però ha messo in imbarazzo l’intera categoria che lotta strenuamente contro l’avanzare del coronavirus da mesi. “Tutti quelli che mi seguono l’hanno trovato divertente. Ho solo 3.000 follower poi…Ho pensato che la cosa fosse divertente vista da fuori, forse avrò sbagliato a pubblicare, ma i commenti dei miei follower erano tutti divertiti. Lei che c***o vuole?”. Appunto, grazie!

Viola la quarantena per dare la caccia ai Pokemon

Uno dei racconti più incredibili era quello arrivato da Como dove, la compagnia dei Carabinieri locale aveva fermato un trentunenne mentre girava indisturbato per le strade di San Fermo. L’uomo, tablet alla mano e con una invidiabile imperturbabilità, ha salutato gli agenti ed ha fornito l’autocertificazione in cui dichiarava che il motivo della sua uscita fosse quello di “dover dare la caccia ai Pokemon“. Purtroppo per lui, la giustificazione fornita non ha del tutto convinto la pattuglia che ha provveduto a sanzionare l’uomo e a denunciarlo per violazione del decreto che impone le misure di quarantena.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Regressione Economica in arrivo: le stime del FMI preoccupano l'Italia

Regressione Economica in arrivo: le stime del FMI preoccupano l’Italia

Emma Watson compie 30 anni: un'icona femminista d'altri tempi

Emma Watson compie 30 anni: un’icona femminista d’altri tempi