fbpx

Coronavirus, in Francia medici e infermieri minacciati dai vicini: “Ci portate il virus”

Nel paese transalpino i medici sono diventati nemici del virus: un'infermiera minacciata vicino Parigi

Coronavirus, in Francia medici e infermieri minacciati dai vicini: “Ci portate il virus”. Dalla Francia arriva un episodio alquanto inusuale in un periodo come questo. Un’infermiera di Dourdan, vicino Parigi, è stata bersagliata dai poco carini messaggi dei suoi vicini, che la riterrebbero responsabile di un eventuale focolaio di Coronavirus nella zona dove la ragazza vive, come riportato da Le Parisien. “Se viene confermato un caso nel nostro palazzo, la riterremo responsabile“, firmato “i vicini”, questo il messaggio che Mira, la giovane infermiera in questione, ha trovato sulla propria automobile.

Oltre al caso di Mira, l’agenzia France Presse racconta anche di Lucille, un’infermiera di Vulaines-sur-Seine, sempre alle porte della capitale francese, che si è vista recapitare una lettera anonima dove le veniva intimato di traslocare altrove. Nice-Matin invece racconta di Sophie, infermiera dell’ospedale di Antibes, nel sud della Francia, la quale ha ricevuto il poco cortese invito di parcheggiare la propria vettura più lontano dalla consueta zona.

Furti e contagi in aumento: la Francia è nel caos

Il premier francese, Edouard Philippe, ha parlato di “messaggi scandalosi” quelli rivolti alle infermiere ma, purtroppo, c’è chi non si ferma alle parole. A Tolosa, Marsiglia e Parigi ci sono stati numerosi casi di auto forzate per rubare gel disinfettante e mascherine al punto che l’ospedale Lariboisière è stato costretto addirittura ad assumere della sicurezza privata per scortare i medici. Caos nella regione di Strasburgo, sommersa da pazienti contagiati e con 2.700 casi di pazienti in rianimazione, un centinaio di essi pronto a partire per gli ospedali con disponibilità di letti e due treni tgv trasformati in ospedali già partiti verso la Bretagna. Al momento la Francia ha 56.989 contagi e 4032 decessi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui