fbpx

Coronavirus, fase 2: sì agli spostamenti, ma con limitazioni

Coronavirus, si avvicina sempre più l'allentamento del lockdown in Italia. Prime indiscrezioni su come ripartire nella fase 2: ci si potrà spostare, ma non andare fuori regione

Coronavirus, fase 2: sì agli spostamenti, ma con limitazioni. Il 4 maggio in Italia si potrebbe iniziare una lenta ripresa della vita. Il Governo, infatti, potrebbe allentare un po’ le limitazioni dovute al Coronavirus e si potranno riprendere gli spostamenti. Proprio in tal senso, però, ci dovrebbero comunque essere alcune limitazioni imposte ai cittadini italiani. Infatti, con molta probabilità, ci si potrà muovere.

Gli spostamenti, però, nel tentativo comunque di contenere nuovi contagi da Coronavirus, saranno consentiti soltanto all’interno della propria Regione. Secondo indiscrezioni, rilanciate dall’Ansa, il Governo avrebbe infatti intenzione di “liberare” i cittadini dopo quasi due mesi di lockdown completo. I dati sul contagio degli ultimi giorni segnerebbero decisi miglioramenti, anche se dal mondo scientifico continuano a mantenere alta la guardia.

Coronavirus, spostamenti limitati e riaperture delle attività tra i provvedimenti del Governo

Inizierà a ripartire anche il motore economico dell’Italia. Alcune attività, infatti, sarebbero già ripartite, mentre altre potrebbero anticipare a lunedì prossimo la possibile riapertura del 4 maggio. Secondo alcune indiscrezioni, però, per altre attività commerciali bisognerà poi attendere ancora. Tra questi ristoranti e pizzerie, per i quali la data prescelta per la riapertura sarebbe il 18 maggio. Il Governo avrebbe però intenzione di offrire la possibilità ai ristoratori di poter anticipare l’apertura al 4 maggio con le consegne a domicilio, in realtà già permesse. Per quanto riguarda invece i negozi al dettaglio, l’apertura sarebbe rimandata di una settimana, con il Governo intenzionato a dare permessi dall’11 maggio in poi.

Al momento solo voci, ma per saperne di più potrebbe bastare aspettare il 30 aprile. Per quel giorno, infatti, la conferenza dei capigruppo di Montecitorio avrebbe indetto un’informativa alla Camera del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla programmazione della ripresa delle attività economiche. Il capo della task force Vittorio Colao, intanto, avrebbe fatto sapere che l’allentamento delle misure contro il Coronavirus, dovrebbe riguardare circa 2,7 milioni di lavoratori in Italia. Il Governo, inoltre, avrebbe intenzione di lanciare una campagna per incentivare il Turismo nel Paese la prossima estate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui