in

Coronavirus, bollettino 7 aprile: i numeri sorridono all’Italia, crollano i contagi

Coronavirus, bollettino 7 aprile: i numeri sorridono all'Italia, crollano i contagi
Coronavirus, bollettino 7 aprile: i numeri sorridono all'Italia, crollano i contagi

Coronavirus, bollettino 7 aprile: i numeri sorridono all’Italia, crollano i contagi. Prosegue il trend positivo dell’epidemia da Coronavirus in Italia. Nella consueta conferenza stampa della Protezione Civile, Angelo Borrelli ha mostrato con soddisfazione il bilancio che vede salire i contagi a 135.586 (+880) in diminuzione drastica rispetto a ieri, le guarigioni a 24.392 (+1.555) e i decessi a 17.127 (+604). Dei contagiati, 61.557 sono in isolamento domiciliare, 28.718 in ospedale e 3792 in terapia intensiva, che vede calare i suoi pazienti per il terzo giorno consecutivo. La regione più colpita rimane la Lombardia, seguita da Emilia-Romagna e Piemonte.

Rezza (ISS): “Ci aspettavamo la flessione, bisogna continuare così”

È intervenuto in conferenza anche Giovanni Rezza dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità): “Dopo la fase di plateau la curva dei contagi sta flettendo verso il basso ma bisogna rimanere cauti, prima di tirare un vero sospiro di sollievo serve aspettare ancora qualche giorno. I modelli matematici avevano previsto una diminuzione dei casi ma bisogna tenere a mente che il virus rimarrà nella popolazione anche quando i contagi arriveranno a zero. Bisognerà combattere una battaglia che stiamo affrontando con successo ma dobbiamo rigorosamente continuare a mantenere le misure di sicurezza e distanziamento raccomandate dalle autorità sanitarie”.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Facebook per sconfiggere il Coronavirus: ecco i dati inviati

Facebook in aiuto per sconfiggere il Coronavirus: ecco i dati inviati

L'ex Juventus Sissoko: "Stare a casa non è semplice ma dobbiamo pensare al bene di tutti"

L’ex Juventus Sissoko: “Stare a casa non è semplice ma dobbiamo pensare al bene di tutti”