fbpx

Coronavirus? A Wuhan sbaglio nei laboratori secondo Montagnier

Il Coronavirus è frutto di uno sbaglio nei laboratori di Wuhan secondo il premio Nobel per la medicina Montagnier nel 2008. Il virologo francese ha definito l'origine della pandemia e offerto la sua soluzione

Coronavirus? A Wuhan sbaglio nei laboratori secondo Montagnier. Il Coronavirus potrebbe essere frutto di uno sbaglio nei laboratori, non così misero, secondo lo scienziato Luc Montagnier. Non stiamo parlando di uno qualunque. Premio Nobel per la medicina nel 2008, Montagnier è stato uno di quelli che ha scoperto l’HIV nel 1983. Il virologo francese ha parlato della causa della pandemia attuale due giorni fa a Pourquoi Doctuer. Una manipolazione creata accidentalmente nei laboratori cinesi di Wuhan. Niente di più. La tesi dichiarata dal famoso professore non è la prima volta che viene a galla. Ma non ci sono prove che la avvalorano.

A Wuhan, si studiava un vaccino anti-AIDS

Mentre si studiava una possibile soluzione per l’AIDS qualcosa è andato storto. Montagnier ha analizzato la descrizione del genoma del Covid-19 con il collega Jean-Claude Perez, notando quello che già era emerso da uno studio di ricercatori indiani. Quest’ultimo ha mostrato “come il genoma completo di questo virus abbia all’interno sequenze di un altro virus, quello dell’AIDS“. Sembrerebbe che poi il gruppo indiano abbia fatto un passo indietro rispetto a tale scoperta ma “la verità scientifica emerge sempre“. L’inserimento del genoma di Coronavirus è stata utilizzata per creare un vaccino contro l’AIDS, secondo Montagnier.

Onde interferenti per fermare il Covid-19

La diffusione del Coronavirus segue comunque il corso naturale e molecolare privo di alterazione quindi proprio questa si auto-eliminerà pian piano. Perché? “La natura non accetta alcuna manipolazione molecolare“. In altre parole, secondo il professore francese, se non si dovesse agire scientificamente sul virus questo eliminerà automaticamente le alterazioni in quanto non facenti parte della sua struttura. Inoltre, Montagnier ha suggerito una possibile soluzione: “Potremmo eliminare queste sequenze con le onde interferenti“. Anche se, per questa soluzione, servono molte, troppe, risorse. L’ipotesi dei pipistrelli come portatori del recente virus non è una spiegazione plausibile per Montagnier. Potrebbe trattarsi al massimo di una base di partenza ma i vari esperimenti per il vaccino anti-AIDS hanno creato qualche problema e alterato gli equilibri naturali.

Un errore del governo cinese, niente complottismo

Il biologo francese esclude l’ipotesi di complottismo per l’origine di questo male. “Il complottista è colui che nasconde la verità, ma la verità sempre viene fuori“, si ripete il professore. “Non è il caso di accusare o aprire inchieste. La Cina è un grande Paese e spero sia in grado di riconoscere un errore“.

A Wuhan, dunque, potevano agire diversamente? La conclusione di Montagnier si basa molto sul detto errare humanum est, ma siamo d’accordo? Attenzione, precauzione e buon senso possono aiutare. Potevano, senza dubbio. Gli scienziati sanno che ci sono grandi rischi mentre si sperimenta a soluzioni molecolari per creare soluzioni. Come noi sappiamo che solo gli esperti in materia sanno come procedere in laboratorio. Ma non siamo mica ad Hogwarts. Qui gli esperimenti si pagano. E, al momento, il prezzo è più alto di quello che ci si aspettava.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui