fbpx

Bonus Inps: in arrivo 800 euro, ma i 600 di aprile?

In molti sono ancora in attesa del bonus da 600 euro. Il governo intanto pensa già ai mesi prossimi

Bonus Inps, in arrivo 800 euro, ma i 600 di aprile? Ne hanno parlato tanto, forse troppo, del bonus di 600 euro erogabile a favore dei lavoratori autonomi. La misura era stata decisa dal governo per aiutare i lavoratori a far fronte all’emergenza. Sono state ben 400 mila le domande. Molte sono state accolte, ma molte non hanno ancora avuto risposta. I motivi sono vari, ma non bastano per giustificare le tante parole e i pochi fatti. Quindi per rincuorare le persone, il governo ha deciso che dal prossimo mese saranno 800, quindi duecento in più, gli euro da trasferire sui conti delle “partite IVA”. Una mossa abile e astuta. La celerità nelle proposte è il loro forte, passare ai fatti un po’ meno. Comunque c’è da dire che in tanti hanno già ricevuto l’indennità richiesta, a partire dal 15 aprile. Nei giorni scorsi l’Inps aveva chiesto pazienza a chi ancora non avesse ricevuto i soldi.

Il bonus a 800 euro

Cosa prevede la nuova manovra? A presentare la domanda per i 600 euro di aprile sono state ben 400 mila persone. Siccome l’emergenza non è ancora chiaro quando potrà finire, il governo inizia a capire se prolungare la manovra, questa volta alzando però il montepremi. Il nuovo bonus si prevede possa valere quindi per i mesi di maggio e giugno. Molte persone non potranno tornare a lavoro e quindi saranno ancora tante le richieste. Le ultime notizie che arrivano da Palazzo Chigi pare diano per certo un aumento dell’indennità da 600 euro a 800 euro. Le finanze dello stato piangono, e non ci voleva il virus per rendercene conto. Sarà quindi ancora erogato indiscriminatamente per tutti? La posizione preferita vedrebbe i soldi riconosciuti solo a chi nell’anno di imposta del 2018 ha dichiarato un reddito inferiore a 35 mila euro.

Agli altri il bonus non sarà quindi erogato? Bisognerà presentare una nuova domanda o sarà valida quella precedente? L’INPS e il governo ancora non si sono espressi. L’intenzione sembra quella di spostare l’attenzione dai problemi esistenti su aspettative future. Probabilmente nei prossimi giorni o al massimo settimane, il governo si esprimerà dopo aver consultato le task force, il ministero, il Presidente della Repubblica, il parlamento, la stessa INPS…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui