fbpx

Bambini e fase 2 non vanno d’accordo, le riflessioni del governo

Il problema dell'infanzia nella fase 2 è uno dei temi principali. Come si risolverà il problema?

Bambini e fase 2 non vanno d’accordo, le riflessioni del governo. Vanno avanti le riunioni tra il governo e i capidelegazione delle forze di maggioranza. L’obiettivo principale è trovare un accordo e un piano per la fase 2. Andrebbe anche considerato che siamo al 25 aprile e ancora non si vede una vera e propria fase o piano di uscita dal lockdown. Ciò di cui si è discusso finora non è ancora ufficiale. Le varie riaperture e l’allentamento delle restrizioni sono nelle idee del governo e di Giuseppe Conte. Oltre a questo uno dei tanti problemi che si presenterà nella fase 2 sarà quello dei bambini. Come riferisce anche Adnkronos infatti, nella riunione finita nella tarda serata di ieri, Conte ha sentito il parere anche della ministra Azzolina, ministro della scuola, e di Elena Bonetti, ministro della famiglia.

I bambini e la fase 2, i problemi

Il più grande problema con l’infanzia rimane quello della scuola. La decisione del ministero dell’istruzione, con a capo Lucia Azzolina, è stata quella di non riaprire le scuole. Il problema ancora una volta si presenterà nel momento in cui i genitori dovranno, e potranno, tornare al lavoro e i bambini dovranno rimanere a casa. Una volta, prima dell’epidemia, arrivavano in soccorso i nonni in momenti come questi. Proprio i nonni però sono il primo bersaglio però del virus, e di conseguenza, anche nella fase 2, non potranno essere un’ancora di salvataggio per molte famiglie. Il comitato scientifico si è espresso sulla riapertura delle scuole. La decisione è ovviamente negativa, e quindi lo è stata anche quella del ministro. Il problema sarebbe l’alta possibilità di contagio tra tutti i bambini, che rischierebbero poi di portare il virus nelle proprie case, pur non essendo loro stessi a rischio.

Il graduale allenamento del lockdown dovrà essere studiato quindi nei minimi dettagli per permettere a tutte le famiglie di poter ritornare a vivere (quasi) come prima, senza dover avere pesi di nessun tipo. Le ipotesi sono ancora tante, le decisioni prese poche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui